Un inventario cinquecentesco del castello di Melissa

melissa castello foto P. Pugliese944

Melissa (KR), ruderi del castello (foto di P. Pugliese).

Alla metà dell’Ottocento Giovan Francesco Pugliese, nella sua opera “Descrizione ed istorica narrazione di Cirò”, trattando di un “Cenno per Melissa” così scrive: “Nell’abitato di Melissa non si offre altro di antico, che un rovinato Castello Baronale, luogo di dissolutezze e di barbarie, … era tra le prerogative del Conte il nefario jus primae noctis.”.

Il Pugliese si dilunga narrando un fatto cruento accaduto alla metà del Seicento, che secondo l’autore aveva causato la morte del conte Francesco Campitelli, il quale voleva imporre con la violenza lo “ius primae noctis” ad una coppia di sposi. La vicenda leggendaria, che si sarebbe svolta tra la chiesa di San Giacomo, di iuspatronato dei conti Campitelli, ed il vicino castello, sarà ripresa in seguito da Angelo Vaccaro con l’articolo “Nuova luce nella tragedia feudale di Melissa del 1633”.

Per il Vaccaro l’episodio ha un fondamento storico anche se altri sono i protagonisti della vicenda.[i] In seguito la vicenda sarà romanzata anche dal professore Giuseppe Barberio nel romanzo “Il castello di Melissa”. Il fatto, almeno nella sua stesura originale, non regge all’analisi storica come è stato chiaramente dimostrato nell’ opera “Melissa medievale e moderna” di Antonio Cosentino. Pur non avendo alcun fondamento il castello e la vicina chiesa rimarranno per sempre legati nella memoria collettiva ai Campitelli ed ai molteplici soprusi e prestazioni feudali patiti dalla popolazione melissese.

 

Il castello nel Cinquecento

Tra la fine del Quattrocento ed i primi anni del Cinquecento il castello e le mura dell’abitato furono oggetto di alcuni importanti interventi per far fronte alla minaccia di incursioni turchesche. Fu migliorata la difesa con la costruzione della “torre nuova” e della cortina contigua e l’armento del castello fu potenziato con alcuni pezzi di “arteglieria de ferro” ed altre armi.

Nei primi decenni del Cinquecento “per le fabriche et reparatione del castello” i feudatari di Melissa e dei paesi vicini, come testimonia il caso del conte Andrea Carrafa, obbligarono gli abitanti con i loro animali a fornire calce ed a lavorare gratuitamente.[ii]

melissa castello

Melissa (KR) ruderi del castello.

L’inventario dei beni di Beatrice Caposacco

Al tempo del barone di Melissa Giovan Battista Campitelli (1516-1561) il castello risulta armato e ben arredato come evidenzia l’inventario dei beni compilato dopo la morte di Beatrice Caposacco, seconda moglie del barone.

“Copia di Notamento di robbe lassate per la S.ra Baronessa di Melsa no.i.a Beatrice Caposacco impoter del m.co Alonso Trugillo Philippo Marro et Matteo di Venuto adi 27 mayi 1561 In lo castello di Melsa.

In la camera de la torra nova p.a camera ce sonno ce sonno retrovate linfratte robbe V.d. Im p.s uno paviglione usato con lenze lavorate de filo russo et panniyati cum frangi russi et bianchi cum pumo ndorato de tila suttile. Due mataraza pieni de lana in bianco usati. Dui cammisoli de giacco senza maniche et uno paro de maniche de giacco seu magli sparse. Una coperta de dobletto fustianarico cum rivettoni frazzati de tila una coperta de panno russo nova cum tre rivetti de raso turchino. Uno capitale in bianco pieno di lana uno cuscino usato lavorato de sita nigra una lettera cum pedistalli et tavuli ructi usati quanto in detto lecto si contene.

Uno matarazo vechio pieno di lana con uno paro de lenzola vechi e una schiavina bianca per un servitore usati e vechi uno strapontino bianco pieno di lana vechio uno cuscino de trippa mezo giallo e mezo verde pieno uno staccio furnuto venetiano con fiochi de sita turchina e oro e lavorato de diverso lavoro una tovaglia usata lavorata di sita verde e arangina una segia di coiro usata uno quatro piccolo di nuce de un pezo con li pedi a forfici un altro quatro grande de nuce cum decti pedi con una cascietta de nuce lavorata di sopra uno scrigno a tumba vechio con barrj de ferro serrato una cascia de abite cum chiavatura de palmi sei usata uno sportune seu fiambreta vechio coperto di pelle una mpulletta di meza hora una tavoletta di coiro con li pedi nchiavata e di sopra vi e una cascietta di noce simplice serrata una cascietta di nuce de cacare et uno tavoleri con sue tavule dentro di sopra cum scachero e sachetto cum li schiachi una cascia larga de dui tavule nfronte et e di octo tavuli una cascia di noce serrata dui para di capofochi uno grande et uno piccolo et uno tiraturo de ferro.

Sei seggie de coiro e nuce grande ce ne e una con uno pede manco una segetta piccola de buda de donna unaltra segetta piccola di brello nova uno candileri de piltro con sua lucerna de oglio a dui pizi unaltra segia usata di coiro et nuce per donna una tavula grande de abite de tre tavuli nfronte et li pedi per magnare longa circa sei palmi unaltro quatro di nuce de quattro palmi con li pedi a forfici e cateni una schiavina pilusa rutta et gialla vechia uno spulveri de tila alli dece per mataraza tre vechi nbianco pieni di lana dui capizali usati bianchi pieni di lana et una altra vechia e grupata mparte et lavorata a cutugno una tavula denanti reposto con pedistalli et una tavoletta de bustagliena una giarra de acqua una conca di rame con lo pede alto et unaltra conca senza pede dentro la quale ce sta la giarra dui banchi de sedere una lumera de brunzo ad octo pizi unaltra segia de coiro e dennie simile alli p.tti grande dicennovi piatti de piltro mezani vinti dui piatti piccoli de piltro dui brochi e uno curtello de ferro uno bucale de piltro con lo pizo uno barile de rame de cipro usati novi tovagli de tavula usati tra piccoli e grandi et de fiandina tre tovagli de mano usati et vinti stuabuchi usati una tassetta de cristallo unaltra de crita et una sciruppera de crita bianca et la p,ta tassa de crita et de carmusali tre casci grandi vacanti che serveno per le robbe del reposto usati. Item cinque altri piatti mezani de piltro uno panno de raza grande usato una lettera de tavuli de cinque tavuli et dui banchi per pedi di essa una segia di abite unaltra lettera de tavuli cinque et dui banchi per pedi di essa dui mataraza bianchi usati pieni de lana uno spulveri lavorato a cuntuglio de filo russo cum frangi bianchi e russi una fersara gialla con dui pertusi usata uno capitale pieno di lana bianco uno paro de lenzola a tre tili vechi con lenze de filo russo una lettera con cinque tavuli e dui banchi per pedi di essa dui scabelli piccoli ncasciati de abite uno matarazo uno paro de lenzoli novi cum zagarelli turchini e uno vancale per coperta vechio consignato a gio. ant.o mancalione per suo letto uno schito bulognese una lettera cum cinque tavuli et dui boni datti per pedi.

Ad alto dela torra nova dui banchi de sedere una coperta de trappito vechia e uno lenzolo a tre tili e luna scigata e contastata una manta de pilo vechiss.ma dui lumeri de piltro che luna è senza coverchio et uno bucale de rame uno matarazo bianco pieno di lana usato una lettera cum secti tavuli et dui banchetti per pedi unaltro scabello una tavoletta tonda con uno pedestallo con una conchetta di rame vechia uno banco de sedere. In alia la banchetta p.ta seu tavula fo consignata allo p.to Gio. ant.o uno strapontino pieno de lana et uno porteri de panno russo et unaltro panno di raza vechio tre tucti rutti uno sichio seu cato de gisterna de rame una meza fazie de matarazo vechia e tutta rutta che serve per stuyare piatti una tovaglia grande de tavola tutta rutta fiandinese e dui stuabuche vechie che sonno remasti in poter de gio. jacobo rebosteri zio e la tovaglia p.ta e dui stuabuchi insieme con li piatti e altri robbi de reposto ante scripti.

melissa933

Melissa (KR) dominata dai ruderi del castello.

Alla guarda robba ce sonno uno paro de lenzola vechi nchionati alle mura una cultra de taffita giallo e mpatorniata de taffita giallo et infodarato de tila celendrata azola usata unaltra cultra vechia de taffita pardiglio russo turchino e nigro nfoderata de tila celendrata turchina tutta rutta uno spulveri de tila fina novo lavorato con lenze de sita nigra con frangie de sita nigra e bianca ad octo tili per mezina con suo cappelletto delo medesmo et con uno exempio grande e frangie ntorno grande de sita nigra e bianca ad due tile unaltro spolverino con zagarelli allo tilaro de sita nigra de tila suttile de novi tili per mezina quali robbi p.tti che sonno al reperto redutti se consignano a ms matteo de venuto p.nte e recipiente giontamente con uno paro de lenzola de tila de olanda a quatro tili con zagarelle allo tilaro de sita nigra in una cascia.

Quatro panni altri de raza grande et una spalleta de raza usati uno porteri de panno giallo e lavorato de turchino con uno leone mezo russo e mezo nigro usato una fersata bianca usata uno matarazo vechio con listi de ntascato pieno de lana uno piatto piccolo de piltro uno spulveri usato cum biscaturi bianchi de novi tili e frangi de bianco una coverta de dobletto de tila usata uno matarazo bianco vechio pieno di lana un altro matarazo usato bianco pieno di lana unaltro panno de raza usato uno paro de lenzola usati cum zagarelli turchini a tre tili et uno cuscino pieno usato lavorato de sita nigra unaltro matarazo usato bianco pieno di lana unaltro matarazo usato bianco pieno di lana.

In una cascia grande venetiana usata Imp.s una cultra de taffita giallo et nfodarata de tila celendrata usata unaltra cultra de taffita russa et verde ad octo tili usata e delaltra parte de taffita giallo et turchino un celo de travacca de tila lavorato a cuntaglio bianco e frangi de filo bianco ntorno unaltro celo de travacca cuntagliato ntorno de file bianco et frangi bianchi usato unaltro celo de trabacca tucto cuntagliato nbianco cum frangi russi ntorno usata uno spolveri de tila de olanda usato cum lenze de sita nigra et frangi e bianchi e nigre de quindici tili cum suo cappelletto simile uno spulveri de filo ndente lavorato alli vinti parti de sita turchina e russa cum suo cappelletto e frangi turchini et russi ad undici tili e alli mbiscaturi cum certi fiochi de sita russa et turchina a fiochi uno paro de lenzola de filo ndenti con lenza de sita turchina e russa dui panni de filo ndenti de muro per paramento attaziati de fiochi de sita russa e turchina a sei tili usati rutti unaltro paro de lenzola de tila de olanda a tre tili con lenze lavorate de sita nigra uno spulveri de manna usato con li zagarelli russi et frangi de filo russo e bianco unaltro spulveri novo con li zagarelli russi et franginanti russi e bianchi de novi tili per mezina con suo cappelletto simile unaltro spulveri usato a secti tili con riticelli bianchi de paula unaltro spulveri de tila usato per servitore a secti tili per mezina uno paro de lenzola de tila vechi per famiglia uno lenzolo suttile vechio con lenze de filo bianco lavorati a quattro tili uno paro de lenzola de tila de olanda vechi e rutti unaltro paro de lenzola usati con zagarelle a maroccolo bianchi unaltro paro de lenzola tucti strazati unaltro paro de lenzola usati con li zagharelli russi unaltro paro de lenzola uno lenzolo a maroccolo e unaltro simplice usati uno lenzolo de stuppa usato unaltro lenzolo a dui tili una tila de lenzolo giunta mezo uno lenzolo bono apena per pannizi una coperta de fustiano listiata de mayuto dui cuscini de tila fini strazati lavorati de sita carmosina unaltro cuscino usato lavorato de sita maruni e gialla uno cuscinello con lenza russa unaltro con lenza bianca et laltro con lenza de sita lavorato dui cuscini de tiletta alla morisca a dadho russi tre panni de paramento de muro de tila a contaglio de filo bianco e mbiscato de filo russo unaltro panno de tila de muro a tre tili e con contaglio imezo uno cuscino de trippa nigra con quattro fiochi nigri una tovaglia de tavula nova da circa dece palmi con li costulitti alli capi dui tovagli ntocco con costulilli stritti quattro altre tovagli ntocco con costulilli lavorati a schina pisci una affetta de manica de gonnella de raso bianco piaziata de curtello una tovaglia fiandenese vechia e rutta de tavola uno tornialetto de taffita pardiglio nigro turchino e russo con frangia verde nigra e turchina nfodarato de tila celendrata turchina unaltro tornialetto de taffita turchino con fiodretti de sita russa nfodarato de tila celendrata ut s.a unaltro tornialetto lavorato a cuntaglio bianca uno cerro de scarlata seu resta de panno russo una gunnella de velluto verde tutta affrondata de moroccata e nfoderata de tila celendrata gialla con le maniche allantica del medesmo nfoderate de taffita giallo un cappello de velluto bianco nfrangiato Dentro una cascietta picola che sta entro detta cascia tre vernagli de paglia dui ventagli de penna nigra con li maniche de osso nigro vechi unaltro ventaglio di penna russa et bianca e maniche de osso nigra un colletto piccolo lavorato de sita bianca uno colletto e una cayula de oro unaltra riziglia de oro e sita nigra et unaltro colletto de oro e sita nigra medesmo un colletto de oro e risiglia zingarisca de oro e sita paunaza nova circa dui canni de cinta stritta a maroccoli de oro e sita paunaza. Dentro un casciotello piccolo ferrato con chiavatura da circa mazo palmo de tavola e ncoiato de nigro e nfoderato de panno verde ce sonno un circhetto de broccatello con dudici pisetti piccoli de oro un frunzale de piccolillo con octo pendagli de quali grossi scannonetti de oro dui anella de oro e unaltro simile de oro che son tre dui con petre mbinette granatine ci e una fede un digitale de argento uno paro de ciarcelli a delfino de oro con tre perle grosse per uno quattro punzali de oro smaltati de bianco et azulo con zagarelle de sita pardiglia una sancta helena de oro una joya per pendente de petra agata con relevo de cupido ncrastata de oro entro puro dentro detta cascia grande uno casciotello de tavola ndorato dentro il quale ce sono reliquie per come dissero se repossero dentro detta cascia grande prima scripta.

Uno scrigno con listi de rame coperto de coiro dentro lo quale ce sonno linfratte robbe v.d uno lenzolo per fodera dele robbe vechie uno spulveri novo con frangi de filo bianco de octo tili alli octo cusuto apunticello unaltro spulveri usato cusuto simplice de novi tili unaltro spulveri con frangi russe e bianche e con zagarelli allo tilaro usato de novi tili per mezina uno rocco de tila fustianarica de dudici canni uno corpo de gunnella de velluto leonato florato dembracato una gunnella de velluto carmosino con quattro rivetti de raso turchino con dui para de maniche dela medesma manera uno longo e laltro curta usata. Unaltra gunnella de velluto carmosino con quattro rivetti et il corpo scusuto et senza nfursa con dui para de maniche longhi e cinti uno paro de maniche de velluto nigro racamato de lazo nigro uno panno de figlio cotorniato de friso de oro e lo panno e de raso russo.

Unaltro scrigno usato ncoirato vi sonno dentro linfratte robbe v.d. una rasca de velluto gialla usata uno mezo lenzolo vechio per fodera dele robbe de detto scrigno con molte l.re missive aperte uno mortarello piccolo de marmoro uno paro burzachini mbellurati una robba de dobletto giallo e turchino e nfodarata de taffita pardiglio e fasciata de velluto giallo una gunnella de damasco russo a pignola fasciata de velluto carmosino a cuntaglio et nfoderata de tila celendrata turchina et dui para de maniche uno longo e laltro curto unaltra gunnella de velluto morischo con dui para de maniche longhe e stritte e senza fodera unaltra gunnella de velluto nigro guanita ntorno e de alto abascio de recamo de lazo de sita nigra senza nforsa con uno paro de maniche lunghe del medesmo una casacca de velluto nigro fasciata de velluto nigro uno paro de calci de scametta nigra con taffita nigra e catenetta de sita pardiglia uno paro de calci simplici de scametta gialla novi uno coira de cardogna frappato suttile de alto a bascio due tuvaglie nove meze usate lavorati de sita nigra dui altri lavorati de sita carmosina novi unaltra tovaglia lavorata de sita nigra e verde vechia unaltra tovaglia de tila de olanda con friso de oro dui porteri de lana morischi una cultra de velluto leonato con fogliati seu floreato de mbroccato.

melissa956

Melissa (KR), ruderi del castello.

Unaltro scrigno ncoirato usato cum listi de rame vi sonno dentro linfratte robbe v.d. una cortellera con vinti tre pezi de cortella e brochi ndorati uno spulveri de panno rangino cum fascie e contagli de velluto giallo con frangie gialla usato uno tornialetto del medesmo quattro pezi de libri grandi et dui piccoli

Unaltro scrigno ncoirato con listi de rame usato nfoderato de tila vi sono linfratte robbe vd tre tovagli ntocco con li costulilli larghi lavorati gattillariche due altre tovaglie ntocco de tavula larghe lavorati ad ochicello novi una tovaglia grande de fiandra de tavola dudici tovagli larghi ntocco de mano con li costulilli uno spacceri novo de tila fina poco usato lavorato de sita nigra e mbiscato de sita nigra a dece tili per mezina con frangi nigri et bianche de sita e cappelletto del medesmo unaltro spulveri novo de ntila de olanda con lenze larghe de sita carmosina ad otto tili con frangi de seta russa e bianca con cappelletto del medesmo e uno cuscino lavorato de sita carmosina ntorno quattro lenzola no vi de tila de olanda con zagarelli de sita russa a tre tili uno lenzolo a quattro tili de olanda con zagarelli de sita nigra una cammisa de donna de tila de olanda si maniche che como busto e lavorata de sita nigra uno tornialetto de taffita nigro turchino russo e pardiglio nfoderato de tila celendrata azulo e frangia de sita turchina gialla e verde una pelle de marfula seu fayina uno ventaglio de piuma nigra et laltro de pinna nigra e bianca tutti dui con maniche de osso nigro.

Unaltra cascia de nuce a marchettata con chiavatura vi sonno linfratte robbe v.d. una coperta de dobletto de tila con fascie frappate grande usata uno spulveri de dece tile lavorato de liste de filo bianco intessicato con frangie bianche con suo cappelletto e tornialetto simile unaltro spulveri con octo tili per mezina con reticelli a maroccolo e con frangi de filo bianco usati uno lenzolo con lenze de filo ntossicato a contaglio seu pannyato usato uno paro de lenzola a quattro tili con lenzulli lavorato de bianco usato uno cuscino lavorato de sita nigra dui tovaglietti de cambraya vechi strazati uno pappafico de carmosino nigro con fascie de velluto nigro una robba de giambellotto leonato senza acqua uno cannolo con frangie gialle e nigre torniato una gunnella de raso giallo floriata de velluto turchino con maniche grande alla franzesa nfoderata de tila celendrata la gunnella e la manicha de taffita turchina et laltra senza nforsa una suttana de cambraya e tessuta de listi de sita bianca e russa una palla de tenerfoco alle mani con listi de argento una zanna de granco una fazie de matarazo usata unaltra fazie simile e vechia uno spulveri vechio con riticelli amarocolo ad octo tili unaltro spulveri con riticelli de paula vechio e rutto con frangi bianchi a novi tili una coperta de dobletto de sita bianca e nfoderata de tila bianca una cascia de nuce vacante senza chiave dui cascetti de nuce senza chiave vacanti dui casci vechi de abite vacante senza chiave.

Alla cammera dela parte sinistra se intra alla scala vi sonno uno quatro grande dela maddna unave piccola dela maddna puro et unaltro piccolo de nro s.re ill.mo xsto con la cruce ncollo e uno crucifisso picolo una garraba piccola configora dentro dela passione de xsto.

Ad alto alla ceramidata sopra le camere delappartamento del s.re dico dela sala uno paro de lenzola alli sesti bambacigni usato una facie de matarazo vechio e rutta a listi de mayuto e servia per coperta dui tovaglie de tavule a liste de mayuto grande lavorate allo rame due altre tovaglie de tavula usate lavorate ut sup.a e unaltra tovaglia de pane saccunarica e unaltra tovaglia stritta una cultra vechia uno spulveri de saya vechia turchina e verdicato e russo uno saccune a tre tili usato uno panno de raza usato.

Allo celo dela ceramidata sopra la cammera dela s.ra dui tappiti de tavula uno tappito piccolo usato dui porteri russi con larme de cappitelli et uno giallo con uno leone mezo russo e mezo nigro usato una bandera de tila con larme de limperatore uno limbicco grande e uno piccolo uno tornialetto vechio de raza una conca grande unaltra mezana de rame usata dui vancali vechi strazati una conchetta piccola e unaltra grande vechia e rutte che ce sia la cinnera uno cuccumo de rame uno caldarone vechio de rame una frissura vechia seu usata una caldara grande vechia unaltra caldaretta con cinnera rutta unaltra caldarotta usata jo jacobo pintangelo disse haver in poter suo una caldara grande venetiana senza ase e unaltra picola e uno caldarotto piccolo per servitio di casa un tripodo piccolo un mortaro de brunzo grande con uno mezo pistone quale robbe de sopra dette a me deluna e laltra sonno relaxate impoter de pipina schiava insieme con una gradiglia grande a novi gambi lerestorno depio in detta camera de alto a detta pipina uno matarazo bianco vechio con una ferzata bianca vechia e uno panno russo per coperta una tila seu cultra fatte pezi pezi pezi con la lettera et pedistalli.[iii]

melissa castello936

Melissa (KR), ruderi del castello.

Il castello alla metà del Cinquecento

Nel documento sono citati i seguenti locali: “La camera dela torre nuova”,” “Ad alto dela torra nova”, “Alla guarda robba”, “Alla cammera dela parte sinistra se intra alla scala”,” Ad alto alla ceramidata sopra le camere delappartamento del s.re dico dela sala”,” Allo celo dela ceramidata sopra la cammera dela s.ra” e “La Camera de alto”.

Altre informazioni sulle opere di difesa apprestate in questi anni sono contenute nel libro delle spese fatte dal sindaco Marino de Cunsulo per conto dell’università di Melissa.

Il documento ci informa che all’inizio del 1562, furono rifatte le chiavi della “porta dela terra” e della “porta de suso” e furono acquistati “due anella alla “prigionia delo castello”. Allora era castellano un certo “Girolimo”.

Con l’arrivo della bella stagione e l’affacciarsi del pericolo imminente delle fuste turchesche, che sono avvistate già ai primi di aprile a Capo Stilo e poi a Capo Alice e alla fine di giugno a Capo Nao ed a Fiumenicà, il dispositivo difensivo è rafforzato. In questo periodo è fabbricata la “Porticella” dal mastro Marco Valerio ed arriva a Melissa, mandato dal vicerè, il commissario e capitano a guerra Gio. Gerolimo de Rao il quale ispeziona sia le fortificazioni della città che della costa e ordina come “far far la mustra” e “come si faranno le guardie”.[iv]

melissa948

Melissa (KR), ruderi del castello.

Una lite tra l’università ed il barone Gio. Maria Campitelli

Il potenziamento della difesa del castello e la vigilanza sull’abitato sono evidenziati da un documento della seconda metà del Cinquecento al tempo del barone di Melissa Gio. Maria Campitelli (1561-1574).

In una causa tra l’università di Melissa ed il barone “super praetensis gravaminibus”, i cittadini accusavano il barone di molte ingiustizie tra le quali quella di essere costretti a causa della prepotenza baronale a prendere in fitto e seminare in terreni situati fuori del territorio di Melissa. Nonostante ciò il barone li costringeva a pagare il terraggio, ponendo alle porte dell’abitato le sue guardie.

Il barone alle accuse si difendeva, affermando: “Item come le guardie dele porte di detta terra di melissa è necessaria alli citatini habitanti, et comoranti in detta terra, et non ad esso barone sua casa, et famiglia perch’esso tiene il suo castello posto in una somità et loco eminente et più alto che siano tutti li lochi di detta terra, et ditto castello e forte con arteglieria de ferro scopette et balestre et altre arme in estate, et in ditta terra non ci è arteglieria sinon alcune scopette de modo che non è tanta forte quanto il castello che si non since facissero le guardie s’occorressi invasione di turchi repentinamente si poria fare danno assai”.

Altre accuse riguardavano quella di aver costretto gli abitanti a “portar calce alloro spese … per fabricare riparare et munire alconi lochi fiachi della detta t.ra per dubio deli turchi corsari, forasciti, et altri nemici, …” e di non permettere a tutti gli abitanti in caso di pericolo di rifugiarsi nel castello, non assicurando l’onore delle donne: “Item come q.n accasca che nci fossi nova di fuste di turchi assai e fosse besogno di mitter in securo li cittadini e habitanti di detta t.ra esso m.co barone com’amorevole con soi vassalli fa reducere in lo suo castello li cittadini et habitanti di detta t.ra pere quanto ponno capire in detto castello con loro moglieri per conservatione del loro honore in detto castello li mariti si guardino loro moglieri e li frati le sore e cosi ogn’uno nel suo grado e questo è la verità.[v]

melissa947

Melissa (KR), ruderi del castello.

L’erezione di una cappella del castello

E’ del 21 maggio 1633 un breve di Urbano VIII a favore del principe di Strongoli Francesco Campitelli (1624-1668). Il Campitelli aveva ottenuto anni prima dal vescovo di Umbriatico Benedetto Vaez, la facoltà di erigere un oratorio “in titulum beneficii” nel “suo Palatio” di Melissa, che era sotto la sua temporale giurisdizione e quindi esente dalla giurisdizione e dalla visita vescovile.

Il principe lo aveva adeguatamente dotato ed il vescovo gli aveva concesso di farvi celebrare la messa. Arrivato però nella sedia vescovile di Umbriatico il nuovo vescovo Antonio Ricciullo, costui aveva sospeso questa facoltà. Accogliendo la supplica del principe il pontefice emana un decreto che concede nuovamente la licenza di far celebrare la messa nell’oratorio, con la condizione però che né l’oratorio né il castello, nel quale è situato l’oratorio, godano più alcuna immunità ecclesiastica, ma siano soggetti alla giurisdizione ed alla visita del vescovo di Umbriatico.[vi]

Il beneficio eretto nella cappella del castello era sotto il titolo di S. Pietro ed aveva una rendita di circa sei ducati. Alla cappella i conti di Melissa dovevano versare alla metà del Seicento ogni anno ducati 5 per legato di Gio. Battista Campitelli, mentre la mensa vescovile di Umbriatico esigeva dal beneficio carlini 15 annui.

L'artiglieria del castello foto A. Cosentino

Parte dell’antica artiglieria del castello orna attualmente il monumento ai Caduti di Melissa (foto di A. Cosentino).

La decadenza

Dalla metà del Seicento il castello comincia a decadere. I Campitelli e poi i Pignatelli cominciano a spostare il loro interesse e la loro residenza nel castello di Strongoli e nella Torre di Melissa e poi nel nuovo casino di Fasana.

Nell’inventario dei beni fatto per ordine del principe di Strongoli Domenico Pignatelli per morte dello zio Francesco Campitelli (1624-1668), il notaio Francesco Tortora così il 26 giugno 1668 descrive sommariamente il castello: “Il castello feudale di d.a terra consistente in più et diversi membri superiori et inferiori con la torre maestra dentro il quale nella parte superiore vi sono trovati l’infr.tti beni vd Quattro trabacche vecchie con quattro matarazzi di lana, sei seggie vecchie e rotte, e nella parte inferiore vi sono trovate dieci botte vacuoe per conservare vino, diverse giarre vacoue per conservare l’ogli”.[vii]

In seguito al tempo del conte Geronimo Pignatelli (1690-1728) il lento declino è evidenziato dall’inventario del 1703. Allora il castello non era ancora degradato nelle sue strutture principali ed era costituito da sala, camera, camera contigua, camera contigua, camera del forno, camerone, scrivania, camerino contiguo, cortile, cantina, p(rim)o cellaro, 2.o cellaro e cocina. Pur essendo ancora abitabile, l’arredamento tuttavia denota lo stato di abbandono.

“Inventario delle robbe esistentino nel castello di Melissa

Sala/ Cinque quadri vecchi. Cinque sedie di corio vecchie ed una di paglia vecchia. Duo para di scabelli di lettera vecchi. Un cascione di noce. Un quadro di boffette di noce. Un riposto al muro.

Camera/ Cinque quadri appesi al muro vecchi. Uno specchio mezano con cornice negra. Una trabacca di legno indorata. Due cascioni di noce. Uno scrittorio di noce. Una boffettina coperta di pelle di levo. Una cascia di noce inferrata. Una seggia di velluto consunto. Due sedie di corio. Un paio di capofochi, paletta e molletti di ferro spezzati.

Camera Contigua/ Un stipo vacuo ed un cascione vecchio.

Camera Contigua/ Una cascia di tutta tavola usata, ed un altra di meza tavola.

Camera del Forno/ Due cascioni di tavola vecchi. Tre cascie vecchie. Due maijlle di tavola vecchie. Quattro colonne di trabacca guasta.

Camerone/ Una casciolina piccola vecchia. Nel guardarobba due pezzi di panno d’arazzo vecchi. Una lettera di trabacca vecchi.

Scrivania/ Una trabacca indorata sfatta. Un ritratto di papa Pignatelli. Un paio di capofochi con la poma d’ottone. Un cascione di noce dentro un sproviero di fustiano con francie a torno. Un altro sproviero di fustiano torchino. Un paio di coscina di cremesino recamati di seta gialla. Un libro di platea. Una bandiera lavorata. Un sproviero di tela di dudici con riticella bianche. Un altro sproviero dell’istesso più fino. Un libro vecchio de conti dell’università. Una faccia di matarazzo. Un tornaletto di bombace. Un paio di lenzuola con riticelle gialle. Un lenzuolo con riticelle torchine. Un paio di lenzuola a di diece vecchie. Un altro paio di lenzuola all’otto vecchie. Un straccio di lenzuolo lacero. Due faccie di coscina, cioè, due para di faccie di coscina vecchie. Due boffette. Due matarazzi grandi pieni di lana. Un portiero di domasco verde usato. Una cascietta per il necessario.

Camerino contiguo/ Un vestito di ferro vecchio. Una cramagliera. Diversi ferri di trabacca. Una bilancia di rame sfatta. Un corpetto a maglia. Un campanello vecchio. Due trimboni di rame uno grande e un altro piccolo. Un sudo vecchio. Una canaletta di bronzo. Un masticatorio di cavallo. Una frissura di rame. Un stagnatello di rame. Un caldarotto di rame. Una staffa di ferro. Un ferro di vitte. Due pallottiere di bronzo per li spingardi. Due morzi di briglia e più un altro morzo all’antica. Quattro pesi di ottone. Due penne di galessa. Un piatto di rame. Due scalda bevande. Due capofochi vecchi. Un bumbalaccio. Un boffettino. Diverse cornice e quadri vecchi. Una cascietta di maccharoni vecchia. Un pezzo di scrittorio vecchio. Una scopetta vecchia. Un ferro d’ostie. Un corpo di corso vecchio. Una seggia vecchia. Due fiaschi di stagno. Una cascia vecchia. Due coscina sfatti. Due libra uno stampato e l’altro manoscritto vecchi. Un quadricello. Due capofochi vecchi. Un trappitello per far oglio d’amendole.

Cortile/ La cisterna con cato di rame e troviola d’ottone.

Cantina per cellaro/ Otto botti fra grandi e piccole cioè sei grandi e due piccole.

2° Cellaro/ Cinque botti grandi. Un imbuto di rame. Una statela guasta un altra statela che sta in uso. Tre catenacci. Un paio di ferri per li carcerati. Un mezo trepiedi di ferro. Un tripodino piccolo sconciato. Una catinetta con quattro fiaschi sani e l’altri rotti. Una zappa rotta per menar calce. Una lancia. Cinque spiedi mezani e piccoli ed uno grande. Tre cocchiare di legno. Un caccavello di rame per la cocina. Due caldare d’un barile l’una, due altre più grandi, ed un’altra di quattro barili. Un altra botticella piccola. Un catenaccio nella porta del cellaro. Nella porta del carcere un altro catenaccio. Nel portone di dentro due catenacci. Nel portone di fuori un altro. Un molino sfatto con due pietre. Due triponi grandi. Una ratta cascio vecchia. Un calatore di calce di ferro pertugiato. Nella cocina un paio di capofochi una tavola vecchia e due boffette vecchie. E più due sprovieri di lana bianca e negra vecchi. Una coperta di lana dell’istesso. Una fersata lacera. Due piene di coscina grandi ed un piccolo.”.[viii]

Morto Geronimo Pignatelli nel 1728, il feudo di Melissa passò alla figlia la contessa Lucrezia Pignatelli (1729-1760), sposata con Ferdinando Pignatelli. In questi anni il castello è definitivamente abbandonato. Infatti nel catasto onciario di Melissa del 1743 così è descritto: “… possiede nel ristretto della med.a t.ra di Melissa un castello, quale per non essere stato abbitato per molti anni minaccia delle rovine”.[ix]

 

Note

[i] Brutium 1945, 7-8, pp. 4-5.

[ii] Siberene, Costituzioni cit., p. 292.

[iii] ASCz, Notaio Cesare Cadea B. 6, a. 1561, ff. 62-65.

[iv] ASN. Conti Comunali fs. 199/5, Libro V.a ind.s 1561 fatto per le spise dell’unt.à de Melissa, ff. 7 sgg.

[v] ASN, Fondo Pignatelli Ferrara, Fs. 51 bis, inc. 100, ff. 7r, 11r.

[vi] Russo F., Regesto VI, 31392.

[vii] ASN, APF inc. 17, f. 3.

[viii] ASN, APF, Fs. 46, inc. 69, ff. 9r–10v.

[ix] ASN, Catasto Onciario di Melissa 1743, f. 172.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*