Alcuni documenti riguardanti la città di Umbriatico

Umbriatico panorama

Umbriatico (KR).

In relazione alla loro particolare importanza, pubblichiamo alcuni documenti riguardanti la città di Umbriatico, in gran parte inediti, conservati nell’Archivio Arcivescovile di Santa Severina e nell’Archivio di Stato di Catanzaro.

 

§§§§§§

 

Metà del Seicento. Descrizione generale della città di Umbriatico (Arch. Gen. Agostiniano, Carte Rocca, Testi, 93; in Amirante G., Passolano M. R., Immagini di Napoli e del Regno, ESI Napoli 2005, p. 101).

“Non si sa di questa Città altro dell’esser suo ne de suoi principii se non che nell’Imperio di Valentiniano fu riformata da Sisto 3o, l’ordinazione del Vescovo, la di cui sede venne dalla città di Paterno trasferita nella sua Cattedrale col titolo di S. Donato, servita solo da quattro Sacerdoti. Si venerano le Reliquie del Santo Gregorio Papa, Lorenzo, Donato, Stefano, Gregorio e Geremilla con piccole porzioni delle vesti de Signore e della SS. Madre, risalendo nel centro di essa sul dorso di ruvidissime pietre non tagliate, con Torre alta con in tre Ali il suo corpo partito.

Ella è situata sopra di una rupe di malagevole accesso, e poco grata tra sentieri di precipizio e spavento poco più di un miglio distante dal Mare. Chi ve la piantò non hebbe forsi alcun impulso che di fabricarvi un ricovero per fuggitivi, o malcontenti, potendosi pensare a capriccio quello che può più piacere al genio, mentre non si rinviene chi ne dia maggior lume.

Sono però le sue campagne non scarse del necessario e del dilettevole, producendovi in abbondanza de Capperi con Copia di animali di pelo ne suoi Boschi, e di penne nelle sue campagne, oltre la Manna il Terebinto, il Gesso e l’Alabastro ed altre molte specie di herbe per salute e delizia. Con quattro Parrocchie, Seminario, Spedale, Monte per poveri, due Conventi di Regolari, ed uno di Suore, terminando con quattro Terre la sua Diocesi, in una de quali per mezzo di un Prete Albanese accasato si pratica il Rito de Greci. Numera non più di 42 fuochi; e della Casa Rovegna è Marchesato”.

 

Umbriatico panorama

Umbriatico (KR).

 

§§§§§§

 

5 marzo 1411. Cirò. In merito alla cessione della metà del diritto di decima delle pecore da parte del vescovo di Umbriatico (AASS, 007A, ff. 001-004).

“IN Nomine Sanctae, et Individuae Trinitatis Amen. Anno D(omi)ni Millesimo Quatragesimo Unde / cimo. Die quinto decimo mensis Martii quartae Ind.s apud T(er)ram Ipsychrò. Regnante Sereniss.mo / D.N.D. Ladislao Dei gr(ati)a Ungariae Hyerusalem, et Siciliae, Dalmatiae, Croatiae et Galitiae, Lodo / monae, Cumaniae, Vulgariaeque Rege Provintiae, et soccalqueriae, ac Pedimontis comite, regno / rum vero suorum Anno Vigesimo Quarto Feliciter Amen. Nos Not.s Angelus cannagroe / de p.ta T(er)ra Ipsychrò Annalis Judex eiusdem T(er)rae, et Julianus de xelso de eadem T(er)ra Ipsy / chrò publicus ubil(ibe)t per totum ducatum Calabriae reg.a aut(oritat)e not.s et testes subscripti ad hoc / spetialiter vocati, et rogati et tenore p(raese)ntis pub.ci transumpti fatemur, et notum facimus / quod p.to die ibidem in n(ost)ri, et subscriptorum testium p(raese)ntia constitutus R.dus in Xpo Pater, et / d(omi)n(u)s Petrus miseratione divina Umbriaticen.s Ep(iscop)us in domo habitationis ipsius, ubi / ad p(raese)ns in infirmitate iacet detentus, ostendit, et p(raese)ntavit quodam publicum instrumen / tum omni solemnitate debbita in talibus roboratum scriptus per manus Not.rii Marci / [pa]pandrea de p.ta T(er)ra, et subscriptum Nicolai de condoleonis manus propriae annalis Ju / [dex] … …stium signis, et subscriptionibus communitum : quod vidimus, leg[imus] … / … ad oculum inspeximus non vitiatum, non cancellatum … / … sui parte abrasum, imo prorsus omni vitio et susp… … / …s, et erat per… tenoris, et continentiae subsequentis. In No(m)ine d(omi)ni … / … …n anno nativitatis eiusdem Millesimo Quatragesimo decimo Regnante [serenissimo] / [D.]N.D. Rege Ladislao Inclito Dei gr(ati)a Hierusalem, Ungariae, Siciliae, Dalm[atiae] / [Croat]iae, Galitiae, Lodomeniae, Cumaniae, Vulgariaeque Provintiae, et soccalqueriae [ac Pedi / montis] comite, regnorum eius Anno Vigesimo Quarto Feliciter Amen. Apu[d T(er)ram] / [Ipsychrò] Die decimo quinto mensis Ap(ri)l(i)s nonae Ind.s. Nos Nicolaus condoleonis [annalis] / [judex p.]tae T(er)rae Ipsychro in eodem anno, Martius de papandria de eadem [Terra regius] / publicus per totum ducatum Calabriae reg.a aut(oritat)e Not.s et testes subscripti … / ti specialiter rogati in testes tenore p(raese)nti scripti pub.ci Instrumenti … / facimus, et testamur, quod eodem die ibidem in n(ost)ri et subs(crip)torum testium … / …vir no. leo bisantius de p.ta T(er)ra asse… / … perrettam de… / …

una parte, et presb(ite)rum Nicolaum de iaccino de casale Celici procuratore procuratorio no(m)i(n)e et pro / parte clericorum casalium dictorum delo manco pertinentiarum vallis Gratis ex altera de deci / ma fructuum, et proventuum animalium consentinorum venientium de p.tis partibus vallis / gratis in tenimentis dictae dioecesis Umbriaticen.s, et sp(ecia)l(ite)r de discordia conventionum fac / tarum, et faciendarum communi consensu p.ti R.di in Xpo patris Ep(iscop)i Umbriaticen.s, et cleri p.torum / casalium antedictorum delo manco : de quibus discordiis, et litigio volentes ipsi procu / ratores quo sup.a, et quilibet pro se pari voto super ipsa charta, et eius tenore finem im / ponere quietis, et pacis postpositis expensarum girurgiarum decursibus quae solent sepius / litigantibus evenire compromiserunt d(ic)tam chartam ad discutiendum et terminan / dum fieri per R.dum in Xpo p(at)rem, et D(omi)num n(ost)rum dominum T. Ep(iscop)um Chatargensem / et dominum Joannem Moranum de Catanzario legum doctorem tamquam Arbitros Juris / prout haec, et alia in istrumento de eorum voluntate facto plenius, et seriosius omn… / …nitate vallatam continetur : quo instrumento facto … / … et actionem ad id quod minuere deberet dictam cha… / …. p.torum R.di in Xpo patris d(omi)ni Ep(iscop)i Catargensis … / … …terminent, et decidant de jure iux.a Compromissum … de factum : … / … per quendam Nuntium destinavit, et retulit ipse Nuntius decisionem a… / … …nis communiter electis consultam terminatam, et laudatam cum sigillo … / …conclusam, et roboratam ac subscriptionibus eorum propriis manibus comm… / … coram nobis p(raese)ntialiter ostendit, et p(raese)ntavit : addens nihilominus … / … decisione à p.tis arbitris, misit quandam l(icte)ram p.to presb(ite)ro … / … venire deberet visurus indictium laudum, et terminationem … / … respondit in haec verba vulgariter exponendo prout per quandam …am vul / … vidimus ad oculum contineri. Nobile viro leoni bisantio de Ipsy / [cro] … suo. Honorabilis pater post salutem recepi l(icte)ram v(ost)ram super / … …tis qui venian… …tentiam quam ferre vultie respon / … / …habui authoritatem compro…

quod aperiantur an pro nobis faciant, an non. Ego non sum aptus esse hinc in antea facia / tis ad v(ost)rum velle semper Spetiani magni die decimo quarto mensis Ap(ri)l(i)s tertiae in / ditionis : per siri Nicolaum de Joacchino de Celico : Qua responsione recepta per eundem / Leonem, presb(ite)r Michael infestans ipsam decisionem ut s.a in contumacia ipsius presb(ite)ri / Nicolai nolentis adesse, volvit coram Nobis à p.tis sigillis, et clausura sup.torum arbitrorum / reserari diligenter inspici, et ad oculum de verbo ad verbum perlegi, et publice devul / gari : qua reserata, et aperta absque omni vitio et suspitione per Nos sup.tum Judicem / notarium, et testes subscriptos, erat per omnia tenoris, et continentiae subsequentis / Die decimo nono mensis Martii quintae decimae Ind.s apud Ipsychrò in p(raese)ntia infra(script)orum testium in domo Joannis spoletini habitationis D(omi)ni Ep(iscop)i Crotonensis ubi est p(raese)ns R.dus / D(omi)n(u)s Petrus Ep(iscop)us Umbriaticen.s ex parte una, et siri Michael Gatius de spezano ma / gno : presb(ite)r Thomasius russus : siri Guido Comito de p.to loco : siri Nicolao Joaccino, et siri Nicolao de ammineto de celico ex parte altera vigore cuiusdam rescripti di / recti d(omi)no R.do Jacobo Archiep(iscop)o Sanctae Severinae per quondam bonae memoriae domi / num Innocentium Papam Septimum : praefatique d(omi)ni clerici p.torum casalium praetendentes / habere debere ius decimae omnium agnorum et fructuum lactis v(idelicet) casci et ricociorum / pecudum portatarum de partibus ipsorum casalium ad sumendum pascua Eyemalia in teni / mento dictae T(er)rae Ipsychrò et tenimentis dioecesis Umbriaticen.s p.to D(omi)no Ep(iscop)o contrarium / asseruerunt offerendo hinc inde in parte certa jura eorum coram p.to Archiep(iscop)o Sanctae / Severinae judice delegato p.to. Et quia litigia max.e personis ecc.cis sunt extra inter / veniente communium amicorum tractatu p.tus R.dus d(omi)n(u)s Ep(iscop)us de sui bona voluntate ami / cabiliter, et paternal(ite)r tractando eosdem consensit, et denuntiavit in mani… / cedit eisdem pro se ipsis, et succexoribus eorum medietatem agnorum et agnarum … / et dastrarum ovilium existentium in dicta dioecesi et tenimentis Umb[riaticen.s] ter / tiam partem casei et ricotiorum singulis annis et sic promisit d(ic)tus R.dum [Episcopum] / pacta teneri, et observari ex nunc in antea, et in futurum. Et p.ti … / cum potestate … Archiep(iscop)i Consentini pro se et aliorum tange…

et asseruerunt tamquam procuratores eorumdem hucvenientium. Et quia oportet de p.tis caute / lam et instrumenta hincinde haberi ad cautelam partium ipsarum placuit eisdem quod ad / consilium sapientium faciant instrumenta omni debbito consilio vallata non mutata sub / stantia veritatis, et promiserunt ambae partes ipsae in exigendo ius p.tarum decimarum quod sint / communes et similiter recipiendo dictum jus in dicta dioecesi in ovilibus propriis scrip / tum die, Ind.ni praemissis. Et si aliquos fidatus vellet recedere non soluto p.to Jure quod / debeant omnes ipsum cogere in quocumque loco terr.o in dioecesi Consentinae scriptae ut / supra. Nos Ant.s spoletinus Petrus miseratione divina Umbriaticen.s Ep(iscopu)s sup.ta fate / mur, et ideo propria manu subscripsimus. Nos Ant.s spoletinus Dei gr(ati)a Ep(iscopu)s Croto / nensis testamur. Ego siri Michael Gatius de spezano magno procurator clericorum / casalium Consentinorum diocesis p.tae p.ta facta fateor. Ego presb(ite)r Thomasius russus / de spezano magno procurator clericorum casalium Consentinorum dioecesis p.tae fateor / et manu propria subscripsi. Ego siri Giudo comito de Spezano magno p.ta fateor. Ego siri Nicolaus de Jaccino de celico procurator clericorum dioecesis consentinae p.tae p.ta fateor. Ego siri Nicolaus de agminneto de celico p.ta fateor. Ego presb(ite)r Michael perrecta Decanus Dioecesis Umbriaticen.s testor. Ego presb(ite)r loisius de paterno te / stor. Ego presb(ite)r Julianus russus Archipresb(ite)r T(er)rae Ipsychro testor. Leo bisantius testor. Ego Nicolaus de principato testor. Ego Joannes smeraldus testor. Dubbium / oritur ex praemissis quia praelibatus d(omi)n(u)s Ep(iscopu)s Umbriaticen.s derogat stare p.tae conven / tioni asserendo p.tam conventionem facere non potuisse in fraudem et praeiuditium / jurium ecc.ae suae sine consensu, et delliberatione cap(itu)li ea propter petitum est à no / bis T. Dei et ap.cae sedis gratia Ep(iscop)o Catanzarii, et Joanne morano legum doctore / per Egregii viri Leonis bisantii quod deberemus de jure determinare si vigore / et vir[tude di]cti pacti p.ti d(omi)n(u)s Ep(iscop)us teneatur ad observantiam p.torum vel possit contrave / [nire] … …ritate dicenda videtur nobis quod s.a T. Ep(iscop)o Catanzarii et Joannello mo / [rano legum d]octori ex retroscripto pacto et conventione oriuntur infra dubbia / … p.tus d(omi)n(u)s Ep(iscopu)s Umbriaticen.s … facere talem pactum seu conven

tionem renuntiando medietatem p.tae decimae sine consensu et delliberatione capituli, ita / quod ab ea recedere non possit tamquam facta in praeiuditium ecc.ae. Secundum dubbium si istam conventionem / valet perpetuo, an valeat vita Ep(iscop)i Umbriaticen.s durante. Tertium dubbium an p.tus Ep(iscop)us Umbriaticen.s possit contravenire facto suo revocando p.ta. Et ad primum dubbium quod dictus / Ep(iscop)us Umbriaticen.s non potuit facere talem pactum, seu conventionem de renuntiatione de / cimae praelibatae probatur : nam eaquae contra ius fiunt, n(ull)a ea quae contrarius fiunt, nulla sunt ipso jure. §. de integrum / restitutione C. constitutus et ibi Glo. et in C. de his quae fiunt à ma. parte cap(itu)li, et C. in / dubbium de legibus, sed facere conventiones super rebus ecc.cis in praeiuditium ecc.ae est contra / formam juris, et in §. si quis presbiterorum de rebus ecc.ae alienandis vel non, et C. nulli et / §. ad aures eodem titulo. Ergo p.tus Ep(iscop)us praedictam conventionem seu renuntiationem face / re non potuit; praeterea Ep(iscop)us quicquam alienare potest, vel donare, seu permutare, nisi ea / faciat, ut meliora prospiciat : et cum tocius, vel maioris partis cleri consensu, atque tractatu / et deligat quod non sit dubbium suae Ecc.ae proficiendum : ut in §. quanto §. novit, et C. p.s et C. / cum ap.ca extra de his, quae fiunt à praelato sine consensu cap(itu)li sed in casu p(raese)nti p.tus d(omi)nus / Ep(iscop)us contraxit seu convenit in praeiuditium suae ecc.ae, prout patet manifeste, quia erat / in possessione totius decimae et renuntiavit medietatem, et in requisito clero : ergo dicta / pacta, seu conventio contra formam juris factam est ipso iure nulla, ut in iuribus sup.a alle / gatis : nec obstat capitulum subgestum, et C. ex multiplici ex.a de decimis, et C. sedis, et / C. de coetero, et C. veniens ex.a de transactionibus, ubi dicit, quod inter ecc.cas personas fit con / ventio cum consensu Ep(iscop)i, quia loquitur in presb(ite)ris et aliis personis ecc.cis subiectum Ep(iscop)orum et / Archiep(iscop)orum : quae personae cum consensu Ep(iscop)i, seu Archiep(iscop)i bene conveniunt : sed in casu / n(ost)ro in conventione p.ta consensus cap(itu)li ut juris est non intervenit, ergo ab ea recedere potest / tamquam non iure facta, ut in iuribus supra allegatis. Ad secundum dubbium videtur quod licet non / intervenit consensus capituli, et sic ista pactio seu conventio non valuit perpetuo ut in … / supra allegatis : non tamen valent jura p.ti Ep(iscop)i Umbriaticen.s durante hoc notanto in ea ex mul / tiplici, et in C. subgestum extra de decimis et C. veniens et in C. ii de transact : in quibus dici / tur quod si persona ecc.ca alienat sine aut(oritat)e superioris nulla conventio est personalis … / paciscentis : Ergo cum in casu p(raese)nti dictus Ep(iscop)us pactus est sine consensu cap(itu)li … ecc.ae / praeiudicare non potuit : t(ame)n sibi suae utilitati praeiudicat p.ta non obstant … jure decimarum ani / malium, et eorum fructuum sunt per alia ratione prediorum in quibus pascua adsumenti

decima debetur, ut in C. commissum ex.a de decimis C. ad ap(osto)licam eodem titulo, et illi ecc.i / debetur illa decima in cuius territorio pascua adsumunt, ut in juribus sup.tis et sic Decima / animalium, et fructuum : quae percipiuntur in territorio dioecesis Umbriaticen.s sunt jura / ep(iscopa)lia : quae ad ipsam ecc.am Umbriaticen.s spectant, ut in dicto C. ad apostolicam, et in C. commis / sum; et sic ipse decimae non spectant ad ipsum Ep(iscop)um respectu personae : quia tunc haberent / locum contrarium ut in C. quia Nos, et C. requisiti ex.a de testamentis : sed in casu nostro / Ecc.ae nomine cui debetur decima intelligo Ep(iscop)us tamquam caput ecc.ae ut in C. novit, et C. quanto / ex.a de his quae fiunt à prelato sine consensu cap(itu)li, et cap(itu)lorum, seu illa de cap(itu)lo sunt mem / bra, ut in d(ic)to C. novit et §. Ep(iscop)us et sui fr(at)res de capitulo unum corpus sunt in d(ic)tis cap(itu)lis / merito dictus Ep(iscop)us p.tas decimas, tamquae iura Ep(iscopa)lia sunt sui fr(at)ibus, et eius presbiteris ecc.am suam / sua vita durante alienare non potest, nec pacisci, seu conventionem facere, ut in d(ic)to C. no / vit, et C. quanto qui nemo alios fructus donare, seu aliter alienare Ep(iscop)us non potest sine / consensu, et delliberatione capituli, ut in C. pastor ex.a de dona : praeterea transactioni / vel pactionibus voluntariis necessarius est consensus, quocumque fiunt est ex.a de transact : / C. ii per innocentiam, sed interest canonicis, et cap(itu)lo ut bona Ep(iscopa)lia non alienentur, sicut / bona eorum, ut in C. si cum clerico de verborum significationibus, et de testamentis requisiti / per Innocen. in d. C. novit : merito alienatio seu conventio p.ta per D(omi)ni Ep(iscop)i ecclesiam / sua vita durante non valit, sine licentia quorum interest : propterea sui communis alienatio / sine voluntate sociorum non tenet ut l. sancimus comuni dividendo l. servo lectioni / delegato p.to probatur lege eadem §. caro eodem titulo : sed bona Ep(iscopa)lia sunt comunia / quoad fructum, et obventiones : quia de iure spectant seu dividi debent inter ecc.am / Ep(iscop)um Cap(itu)lum et pauperes ut in C. iubemus de sacro sanctis ecc.ae et C. merito dictus / Ep(iscop)us renuntiando medietatem dictae decimae praeiudicare non potuit sibi, ecc.ae suae, pauperi / bus, et suo capitulo, ut in juribus sup.a allegatis : Et quia in re comuni in quolibet ces / pite tunc est pars sociorum ut in dicta le: sancimus, ut ibi in dictis juribus pleno nota / tur. Ad Tertium dubbium dicendum est quod d(ic)tus Ep(iscop)us qui sic alienavit seu convenit / renun[ciare] dictae decimae ecc.am se iurasset ipsemet revocare potest, ut notat Glo. ut / in … presbiterorum ex.a de rebus ecc.cis non alienandis : propterea p.ta jura, et mul / ta alia quae possunt allegari videtur nobis qui s.a T. Ep(iscop)us Catanzarii, et Joannello morano

Legum doctori quod d(ic)tus Umbriaticen.s Ep(iscop)us sine consensu, et voluntate sui Capituli / conveniri, seu pacisci non potuit remittendo, et rinuntiando medietatem dictae / decimae, et ipsemet potest contravenire revocando saniori semper consilio salvo. / Et pro certitudine quorum interest p(raese)ns consilium scripsimus, propria subscriptione / denuntiavimus nostris propriis sigillis quibus utimur. Nos qui s.a T. Dei et / apostolicae sedis gratia Ep(iscop)us Catanzariensis praemissa fatemur. Ego Jo(ann)es moranus legum doctor praemissa fateor. Cuiusquidem decisiones, et de / terminationes divulgamus, Et inspecto tenore presbiter Michael p.tus / et procuratorio nomine quorum s.a asseruit sibi tam pro se quam nomine et / pro parte dicti Ep(iscop)i Umbriaticen.s eiusque maioris ecc.ae et cleri ac capituli / dioecesis ipsius plurimum interesse de praedicta divulgatione seu apertura / divulgationis, ac notationis, et declarationis, ac contentorum in ipsa de / cisione, ac veritatis rei taliter gestae prout est s.a nominatum habere, prop / terea instatur ad futurorum memoriam, et aliorum quorum interest, et poterit / interesse certitudinis, et cautele p.tae Ecclesiae Umbriaticen.s ac cleri seu / capituli eiusdem, requisivit Nos qui s.a Judicem, Notarium, et testes subscrip / tos quod de praemissis omnibus facere deberemus publicum instrumentum / nil addito, vel subtracto. Nos enim videntes ipsum iux.a petere, et tam / quam iusta petenti non est denegantibus assensus, et maxime quia nemini / officium nostrum quod est publicum possums de jure denegari praedictam / assersionem leonis prout facta fuit, dictamque remissivam dicti presbiteri Ni / colai ut ponitur vulgo scriptam in sermone literali transumptam, nil addit / vel mutato, de propria et vera substantia ac apertura decisionis …s / tenoris terminationis cuilibet praemissae, rei gestae prout vidimus iudicamus / et ad oculum inspeximus. Ego qui supra Not.s publicus supra dictum / nil addendo vel subtrahendo in hanc publicam formam redegimus, et transformavimus.

Unde ad futuram rei memoriam, et quorum interst et interesse poterit et certi / tudinem et cautelam p(raese)ns pub.cum instrumentum exinde factum est scriptum / et subscriptum per manus mei p.ti not.rii propria manu no.ris signo, et subscrip / torum solitis signati, nostrique sup.a judicis, et aliorum subscriptorum testium si / gnis, et subscriptionibus propriis roboratum, scriptum ut s.a. Ego Nicolaus / de condoleonis qui s.a Annalis Judex interfui et me subscripsi. Ego leo / bisantius testor. Ego Onofrius de smeraldo testor. Ego Marcus de papan / drea de T(er)ra Ipsychrò qui s.a regius publicus per totum ducatum Calabriae / reg.a aut(oritat)e not.s p(raese)ns publicum instrumentum scripsi, et me subscripsi post eius / assertiones et locutiones eique p.tus R.dus in X.o pater asseruit sibi pluri / mum fore et esse oportunum de p.to originali instrumento hunc transumptum / in carta membrana ubique plena fides prestari, supplicavit nobis quo s.a / judici, not.s et testibus sup.tis quod de ipso originali faceremus publicum tran / sumptum. Nos enim eius petitioni annuentes ex eo quia vidimus ipsum / iux.a petere, et tamquam iux.a petenti non est denegandus assensus max.e quia / officium n(ost)rum est publicum non possumus de jure denegare, p.tum originali / instrumentum nil addito vel mutato vel quod de verbo ad verbum tran / sumptavimus et in hanc publicam formam redegimus. In quorum rei testi / monium omnium quorum interst et interesse poterit certitudinem, et / cautelam p(raese)ns publicum instrumentum exinde factum est per manus / n(oste)r qui s.a not.rii propriis signo et subscriptionibus propriae manus comuni / tum n(ost)rorum quo supra et aliorum subscriptorum testium signis, et subscriptioni / bus roboratum, quia in aliquibus partibus abrasum et obscurum videtur / qui vitio sed errore proevenit, et manu n(ost)ra emendavimus, ubi legitur / nemini de jure possumus denegare, defuit ipsa particula nemini quam / …, et ideo pro authentico habeatur. Scriptum et actum. Anno, / mense, die, loco et inditione praemissis.

Signatum solito signo eiusdem Not.rii sub signo bracchii cum manu.

Ego Not.s Angelus Cannagroe qui s.a Judex p.ta testor

Ego leo bisantius testor

Ego Joannes de smeraldo testor

Ego leonardus de martino J. ad con. testor

Ego Hodovisius de paterno p.ta testor

Ego Ciccus de rosis premissis interfui et me subscripsi

Ego Joannes Tarantinus p.ta testor

Ego no.s Joannes de m.o Angelo de T(er)ra Ipsychrò interfui et me subscripsi

Ego eligius bisantius premissis interfui et me subscripsi

Ego Honofrius de smeraldo p.tis interfui me qui s.a subscripsi

Ego qui s.a Julianus de xelso Ipsychronens pub.cus ubilibet per totum ducatum / Calabriae reg.a aut(oritat)e not.s p(raese)ns pp.cum instrumentum scripsi et me subscripsi / manu propria.

 

§§§§§§

 

9 giugno 1434. Martirano. Sentenza del vescovo di Martirano circa la controversia tra l’arcivescovo di Cosenza ed il vescovo di Umbriatico, relativa al pagamento delle decime delle pecore nei pascoli della Sila (AASS, 040A, ff. 37-37v).

“In nomine Sanctissimae Trinitatis Amen.

Franciscus Bennius Dei, et Ap(osto)licae Sedis gr(ati)a E(pisco)pus Marturanen.

Vertente differentia inter Ill.m D(omi)num Joannem Smeraldum miseratione divina, ArchiE(pisco)pum Consentinum, et R.m Nicolaum Situm Episcopum Umbriaticen.s super iure decimae ovium pascua sumentium in territoriis de la Sila, et ibi foetantium, quae territoria cum sint intra limites Iurisdictionis Ecc.ae Consentinae, consequenter pretendebatur per eiusdem Mensae procuratorem habere ad minus medietatem dictae decimae de ovibus pasculantibus, et foetantibus in dictis territoriis, et capta per nos informatione de consensu ambarum partium, mediante compromisso coram nobis stipulato, et iurato, et visis omnibus actis, ac testium depositionibus in numero sufficienti, et opportuno examinatis, fuit per nos pronuntiatum, et arbitratum minime licere dicto procuratori Archiep(iscopa)lis Mensae Consentiae exigere, vel exigi facere praedictum Jus decimae in dictis territoriis positis in Dioecesi Consentina tam de praeterito, quam in futurum, et defoetibus, quae nascuntur in dictis locis neque totum, neque partem decimae pertingere sup.a dictae Mensae Verum etiam neque de fructibus, ex quo in dicta Civitate Consentiae non adest Consuetudo exigendi huiusmodi decimam prout reperitur pacifice in dioecesi Umbriatici à tempore in quo nulla est hominum memoria in contrarium, et tractu temporis praescripta est actio, quia una Ecclesia potest praescribere contra aliam; Neque potuisse Rev.m Franciscum Spulitrinum Decanum Umbriatici, et mensae procuratorem conveniri promittendo medietatem decimae in fraudem, et praeiudicium Ecclesiae Umbriaticen.s sine consensu, et deliberatione Episcopi et Cap(itu)li. Et quia promissio fuit personalis expiravit morte conditoris, et propterea nullius roboris et momenti prout tenore p(raese)ntium nullam, et infirmam declaramus. Et vice versa dictum D(omi)num E(pisco)pum Umbriaticen.s fore, et esse manutenendum in possessione exigendi dictam integram decimam iuxto solitum, et consuetum ab omnibus animalibus minutis etiam foetantibus in territoriis extra cursum, Dummodo ibi pascua sumant stabulam et incrementum recipiant, prout nos p(raese)nte diffinitivo decreto sententiamus et arbitramur, isto, et omni modo meliori. Datum in [palatio] nostro Ep(iscopa)li die 9 Junii 1434. F. Episcopus Marturanen[.s] latum die quo supra p(raese)ntibus omnibus R. R. de Cap(itu)lo C. S. … Franciscus Soterus att.s Ep(iscopa)lis Curiae”.

 

Umbriatico panorama

Umbriatico (KR).

 

§§§§§§

 

12 agosto 1482. Santa Severina. Re Ferdinando d’Aragona, in merito al diritto del vescovo di Umbriatico di esigere la quarta parte dei beni appartenenti ai morti ab intestato, negatogli da alcuni uomini di Cirò (AASS, 013A, ff. 67v-68).

“A’ tergo

Nobilibus et eggregiis viris Uni.ti et hominibus t(er)rae ipsigrò regiis pr(…)nis fidelibus, nob(is) pl(u)r(imu)m dilectis cum sigillo magno Reg.o.

Intus vero

Ferdinandus de Aragonia locum tenens g(e)n(era)lis.

Nobiles et egregii viri Regii pr(…)m.o fideles nobis pl(u)r(imu)m dilecti Nui havemo intesa la diferenzia e tra lo R.do ep(iscop)o de umb.co et vui de multe cose et massime della quarta parte delle robe de quello more ab intestato et del ducato per ciasciuno chi more et del multe altre cose dele quali vui ne aggravati et inteso lo d.to R.do ep(iscop)o sopra di cio iustifica tanto bene lo fatto suo che certam.te pare che satisfaria ala iustitia. Puro noi la causa dela quarta parte dele robbe la havimo commessa a judice Fracesco de Sindico et ms Cola dele pira che la habbiano videre de iustitia come in le n(ost)re l(icte)re se contene. Le altre certam.te ne pareno cose da non prenderese fatiga ad altramente intenderese per la iustificatione li ha fatta come havemo ditto pero ne recordamo et confortamo che con d(et)to ep(iscop)o ve vogliate portar bene et con bona obedientia come devono fare li boni figlioli a li boni patri non repugnandole in le cose honeste et debite perche ne persuademo da ipso sareti ben visti et trattati per modo non haveriti iusta causa de gravareve de soi portamenti simo certi che dal canto v(ost)ro non mancherà de vivere in pace con d(et)to R.do ep(iscop)o et ad questo ve confortamo il che facendo serriti da luy humanamente trattati. Vui steriti con la mente queta et ad nui darriti poca fatiga. La p(rese)nte restitueriti al p(resen)tante. Datum in Regiis Castris apud Sanctam Severinam XII° Aug.ti M.°CCCCLXXXII.

ferdinandus de ragonia”.

 

umbriatico219

Cattedrale di Umbriatico (KR). Croce processionale.

 

§§§§§§

 

11 gennaio 1483. Capua. Re Ferdinando d’Aragona, ancora in merito al diritto del vescovo di Umbriatico di esigere la quarta parte dei beni appartenenti ai morti ab intestato, negatogli da alcuni uomini di Cirò (AASS, 013A, f. 67).

“A’ tergo

Ill.mo ferdinando de Aragonia in Provincia Calabriae n.ro locumtenenti

filio Cariss.o, cum sigillo magno reg.o

Intus vero

Ill. fili et locumtenens n(oste)r g(e)n(er)alis Carissime novamente per lo R.do episcopo de Umbriatico n(ost)ro consigliero fidele diletto ne’e stato exposto che havendo in la sua Diocesa certa rasone de quarta sopra quelli che moreno ab intestato quale soy predecessori et anco lui sempre haveno posseduta et non solum tale rasone e in la sua Diocesa ma in multi altri episcopati de questa provincia Nonstra che per alcuni homini delo Cirò le sia stata impedita et denegata in suo non piccolo preiuditio, deche havendose quelerato in questa Corte dicta causa è stata comessa et may e stata exequita, et per iustitia terminata per causa che d(et)to ep(iscop)o e venuto cqua ali provicii del R.mo et Ill.mo Car.le de Aragona n(ost)ro figlio. Al p(rese)nte volendo de cio consequir la sua iustitia ne have supplicato de’ remedio opportuno nui avertendo ale supp.ne de isso R.do ep(iscop)o intendendo che la giustitia habia suo loco ve dicimo per la p(rese)nte che constituimo vobis summarie simpl.r et de plano che isso ep(iscop)o sia stato et sia impo(ssessio)ne de ditta rasone lo debiate manutenere in quella facendolo satisfare de tutto quello iustam(en)te li sera dovuto et che lui deve percipere per causa de d(et)ta sua rasone como tale sia n(ost)ra intentione et volunta non fando gio si havete caro lo n(ost)ro servitio la p(rese)nte restituite al p(rese)ntante. Dat. in Civitate n(ost)ra Capuae XI° Ja(nua)ry MCCCCLXXXIII°.

Rex ferdinandus”.

 

§§§§§§

 

4 ottobre 1566. Spoglio del vescovo di Umbriatico Giovan Cesare Foggia (AASS, 002A, f. 26).

“Robbe haute da Umbriatico dopo la morte del q.o R.mo Mons.r della che a questo di 4 di ott.re 1566 sono impotere del S.r Abbate Barattauro.

Imprimis

Uno ronzino baro scuro.

Un anelletto di oro co’ pietra detta Lapis Lazari di prezzo d’un ducato in circa in tutto.

Una sottana di rascia vecchia senza maniche.

Uno missale vecchio.

Uno Rocchetto sottile.

Una veste con le maniche lunghe pavonazze per cavalcare usata.

Una mozzetta negra di ciambellotto senza onda usata.

Una camiscia vecchia.”

 

umbriatico220

Cattedrale di Umbriatico (KR). Mitra vescovile antica.

 

§§§§§§

 

7 marzo 1577. Cirò. Il vescovo di Umbriatico Pietro Bordono, in merito al diritto di esigere la quarta parte dei beni di quelli che muoiono ab intestato (AASS, 002A).

“Noi Pietro Bordono per la gratia di N. S. Dio, et della Santa Sede Apostolica Vescovo di Umbriatico, et infrascritti Dignità e personati del Capitolo et clero dela cathedrale chiesa di Santo Donato vescovato di detta Città, per la presente facimo indubbitata fede, a tutti e singuli, che spetteranno vederla vel quomodolibet sara presentata, come tra li altri raggioni et prerogative, vescovali spettantino alla sudetta Cathedrale e lo jus di esigere la quarta di beni mobili et sese moventi da tutti quelli che moreno abintestato, tanto da personi seculari come ecclesiastici, tanto in ditta Città quanto in la Diocesa di Umbriatico, nella quale exactione, et raggione di quarta la ditta cathedrale chiesa di Umbriatico e sua Diocesa n’estata, et e, in quieta et pacifica possessione, seu quasi da immemorabile tempo, et di tanto che no vi e memoria de homo in contrario, tanto in la Città preditta di Umbriatico, quanto in sua Diocesa et si ha exatto et esige senza contraditione virtute antiquissimae, et laudabis consuetudinis, et a populo approbatae, et quello che si percipe di d.te quarte, si converti ad usi pii, et reparatione et ornamenti di essa cathedrale, et elemosine per orationi per viam suffragii, et questa e la verita, donde a chiarecza del viero, ad instantia et richiesta dell’Ill.mo et R.mo Arcivescovo Metropolitano di santa severina havemo fatto la p.nte fede et declaratoria scritta per mano dell’infr.o cl. Gian Francesco Ferrari della terra del Cirò nostra diocesa di Umbriatico scrittore ordinario di nostra vescovale Corte di Umbriatico, et firmata di n.ra propria mano et sigillata dal nostro solito sigillo vescovale, et capitulare. Data nella T.ra del Cirò nel nostro Palaczo Vescovale il di VII di Marzo M.D.L.XXVII.

Io Petro Bordono vescovo di Umbriatico affirmo li cosi prediti esire vere.

Io Don Diego Trusciglio del Cirò Arch.no d’Umb.co affirmo le cose pre.te essere vere.

Io donno Ant.o Falconeri … affirmo …”.

 

§§§§§§

 

20 maggio 1580. Richiesta riguardante il pagamento delle decime, inoltrata dal cantore di Umbriatico all’arcivescovo di Santa Severina, in occasione del sinodo provinciale (AASS, 002A).

“Capi quali se presentano per li Procuratori del Capitolo d’Umbriatico et sua diocesa all’Ill.mo et R.mo Mons.re Arcivescovo di S.ta Sev.na presidente accio sopra quelli se manda nel Sac.o Conc.o provintiale.

Imp.is Se supp.ca che sia limitato a tucti cossi gentil’homini come altri che paghino le decime secondo l’uso dela matrop.na chiesa di S.ta Sev.na et si possano astringere ad quel tanto deveno pagare li renitenti.

Item che possano astringere li Baroni delle terre che facendo massaria in ditta diocesa siano astretti paghar le decime della parochia et personali stante che loro receveno li S.mi Sacram.ti in dette chiese et danno peso alli Curati più deli altri.”

 

umbriatico221

Cattedrale di Umbriatico (KR). Arme vescovile.

 

§§§§§§

 

13 settembre 1586. Umbriatico. Rivele degli appezzamenti coltivati a grano nel territorio di Umbriatico durante l’annata trascorsa, soggetti al pagamento del “terragio” alla locale corte baronale (ASCz, Notaio Baldo Consulo, busta 9 ff. 199v-203v).

“Ogne persona tanto cittadino come forastiero et commorante in detta città p.ta de umb.co habbia da venire a me p.to notaio à revelare ogne quantità de grano fatto nel territorio et distrettu de detta città de umb.co fra termine de giorni dui immediate seguenti sotto la pena contenta nella R.a prang.ca.

Marcant.o Griffaldo de detta città de umb.o dice h.re fatto tu.la trenta cinq. de grano nel loco dicto S.to martino terr.o de detta città de umb.co et ne ha pagato lo terragio à gio. petro de nap. de la prefata città de umb.co dice in dinari tu.la dui et mezo de terragio: dice t.la 35.

Octavio Citterà dice h.re fatto trenta tu.la de grano nel seminato hà fatto nel loco dicto melia ter.rio de detta città de umb.co et ne ha pagato lo terragio in dinari alla p.le corte de ditta città de umb.co dice t.la 30.

Gioannello caligiurio dice havere raccolto dal suo seminato tu.la quaranta de grano nelloco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice tu.la 40.

Renzo de palermo dice h.re fatto tu.la cinquanta de grano nel suo seminato in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 50.

Gioannello griffaldo dice h.re fatto tu.la quaranta de grano nel suo seminato in loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 40.

M.s gio. mar. de falcone dice h.re fatto vinti tu.la de grano nel suo seminato in loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 20.

M.s ferrante roda dice h.re tu.la duicento vinti de grano pervenutoli da sua massaria fatta nel loco p.to melia et pagatone lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 220.

Marcantoni scigliano dice h.re fatto t.la de grano settanta nella sua massaria fatta nel loco p.to melia terr.o de umb.co et dato la metà del terragio à m.s gioanlinardo de paula de p.ta città de umb.co tu.la tre de grano dice t.la 70.

Gio. Vermicciolo dice h.re fatto tu.la de grano cento cinquanta fatti nella sua massaria parte à melia et parte ad araca territorio de ditta città: de melia pagato il terragio alla p.le corte p.ta in dinari, et di araca dato dui t.la de terragio a do. Cesare longobucco dice t.la 150.

Li her. Del S.r gio. petro prestarà diceno esserli pervenuto tu.la de grano dui cento cinquanta da loro massaria: fatta con ger.mo papa joe: gioannello greco de ditta città: et balli beneditto dalla terra di campana portionarii nello terreno de essi her.: loco ditto le macchie seminato per ditti ger.mo et gioannello: et nelle terre delo lauro de ditti her. Per dicto balli: il quale grano per equali por.ne se divise tra essi her. Et ditti porzionarii diceno t.la 250.

Lo mag.co gio and.a prestarà dice h.re fatto nella sua massaria t.la sessanta de grano in loco pre.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte dice t.la 60.

Marco greco dice h.re tu.la quaranta de grano pervenuti dal suo seminato loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 40.

Donato Vermicciolo dice h.re fatto tu.la ottanta de grano nella sua massaria in loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte dice t.le 80.

Donato Zafferi dice h.re fatto tu.la de grano cinq.ta cinq. nel suo seminato in loco melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 55.

Gio teofilo pantisano dice h.re fatto t.la de grano cento cinq.ta nella sua massaria fatta nella sua massaria nel loco melia et parte al cozo nigro ter.rio de um.co de melia pagato il terragio alla p.le corte in dinari: et del cozo nigro dato dui tu.la di terragio à m.s arcangelo infosino de detta città de um.co dice t.la 150.

Giobba de maneri dice h.re fatto tu.la trenta sei de grano nel suo seminato loco dicto terratella terreno del detto giobba dice tu.la 36.

Ms arcangelo infosino dice h.re fatto nel suo seminato tu.la de grano quaranta loco dicto lo cozo nigro suo terreno nel distritto de detta città dice t.la 40.

Ms gio laurenzo infosino dice h.re fatto nel suo seminato trenta tu.la de grano nel loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 30.

Gio. Matteo Morello dice h.re fatto tu.la quindici de grano nel suo seminato in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte ut s.a dice t.la 15.

Minico russo dice h.re fatto tu.la trenta de grano al suo seminato in loco lambri territorio de detta città de um.co et pagato lo terragio in dinari alla cappella del s.mo sacramento de detta città dice tu.la 30.

Cesare tutino dice h.re fatto tu.la de grano cento cinq.ta nella sua massaria in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice tu.la 150.

Corallo lagonia dice h.re fatto tu.la sette de grano al suo seminato in loco lo prato terr.o de detta città et pagato lo terragio in dinari alla cappella del s.mo sacramento de detta città dice tu.la 7.

Ms virg.o de cotrone dice h.re fatto t.la de grano quaranta cinq. nel suo seminato in loco culluri territorio de detta città et terreno de esso virg.o dice tu.la 45.

Berar.no Filitano dice h.re fatto tu.la de grano vinti quattro nel suo seminato in loco le valloncelle ter.o di detta città et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 24.

Antoni vermicciolo dice h.re fatto tu.la quaranta de grano al suo seminato nel loco le cantumetta terr.o de detta città et dato tu.la tre di grano per ragione de terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 40.

Li her. De Hectore Marino dicono h.re fatto nel loro seminato tumula de grano ottanta in loco melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta diceno t.la 80.

Dominico scarozo de cotrone dice h.re fatto t.la de grano octo al suo seminato loco melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte dice t.la 8.

Vincenzo de acturi dice h.re fatto t.la cento de grano in sua massaria nel loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 100.

Ger.mo russo dice h.re fatto tu.la settanta de grano al suo seminato in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 70.

Cesare de maneri dice h.re fatto in sua massaria tu.la de grano cento et quindici nel p.to loco melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 115.

Petruzo citerà dice h.re fatto in sua massaria tu.la cento et dece de grano nelloco p.to melia et pagato il terragio in dinari all p.le corte p.ta dice t.la 110.

jac.o de agresti dice h.re fatto nel suo seminato sessanta tu.la de grano in loco dicto lo piano del campo terr.o de dicta città et dato il terragio sei tu.la à ms g io. Linardo de paula de ditta città de um.co dice t.la 60.

Napoli Filitano dice h.re fatto de sua massaria tu.la settanta de grano in loco culturi terr.o de ditta città et dato dui tu.la et mezo à mezo terragio alli her. de gionfrida citerà de la p.ta città de um.co dice t.la 70.

Anniballe griffaldo dice h.re fatto nel suo seminato tu.la sidici de grano in loco dicto melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 16.

Renzo griffaldo dice h.re fatto t.la de grano quaranta al suo seminato in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 40.

Rocco consiglio et giobba panebianco compagni diceno h.re fatto tu.la de grano cento nelloro seminato in loco detto melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta diceno t.la 100.

Cesare scotifero dice h.re fatto nel suo seminato tu.la vinti de grano nelloco dicto melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 20.

Marco Scotifero dice h.re fatto nel suo seminato tu.la dudici de grano nel loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 12.

Gioantomasi de fiorita dice h.re fatto nel suo seminato tu.la quindici de grano nel loco le terratelle terr.o de detta città de um.co et dato il terragio parte alla corte p.ta parte alla cappella del S.mo Sacramento per equali portione tre mezaroli de grano apparte dice t.la 15.

Anselmo Tascione dice h.re fatto duicento tu.la de grano alla sua massaria loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 200.

Nisi raffa dice h.re fatto tu.la cento de grano in sua massaria in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte dice t.la 100.

Fr.co romeo dice h.re fatto nel suo seminato loco p.to melia tu.la vinti de grano et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 20.

Gamionno citerà dice h.re fatto tu.la vinti de grano nel suo seminato nelloco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 20.

Gion.a alfonso de aversa dice h.re fatto nel suo seminato t.la quindici de grano nel loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 15.

Giuliano de aversa dice h.re fatto tu.la quindici de grano nel suo seminato nel loco p.to melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 15.

Petro Russo dice h.re fatto tu.la novanta de grano nella sua massaria in loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 90.

Iacobo bruno de detta città dice h.re fatto t.la de grano cinquanta in la sua massaria loco p.to melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 50.

Deco russo dice h.re fatto in la sua massaria t.la cento de grano loco melia et pagato lo terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 100.

Petruzo greco dice h.re fatto tu.la de grano trenta cinque nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 35.

Persio greco dice h.re fatto tu.la de grano otto nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio in dinari alla p.le corte p.ta dice t.la 8.

Tofaro Tramonte de campana habitante in ditta città de um.co dice h.re fatto nella sua massaria in loco dicto Lardone terr.o de detta città dice tu.la cento de grano et pagato il terragio in dinari alla p.le corte dice t.la 100.

Gio. Dom.co La cana dice h.re fatto tu.la de grano quattordici nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 15.

Carluccio Citerà dice h.re fatto tu.la de grano dece nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 10.

Ms Antonio Pirrone dice h.re fatto tu.la de grano sessanta nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 60.

Camillo Citerà dice h.re fatto fatto nel suo seminato tu.la dece de grano in loco dicto lo prato terr.o de detta città et pagato uno tu.lo de grano de terragio à gio. petro de nap.li de un.co dice t.la 10.

Me.mo de rose dice h.re fatto tu.la de grano quindeci nel suo seminato loco p.to melia et pagato il terragio alla p.le corte p.ta dice t.la 15.

Hor.o Lequaglie dice h.re fatto nel suo seminato tu.la dui de grano in loco p.to lo cozo nigro terr.o de ditta città de um.co et pagato lo terragio in dinari à ms arcangelo infosino dice t.la 2.”

 

Collettiva

Melia tt.la 2264 (40 coloni) 68% del grano dichiarato

Le Macchie + Lauro tt.la 250 (1 colono) 8% del grano dichiarato

Melia + Araca tt.la 150 (1 colono) 5% del grano dichiarato

Santo Martino tt.la 35 (1 colono)

Lardone tt.la 100 (1 colono) 3% del grano dichiarato

Lo Piano del Campo tt.la 60 (1 colono)

Melia + Cozzo Nigro tt.la 150 (1 colono) 5% del grano dichiarato

Terratelle tt.la 51 (2 coloni)

Cozo Nigro tt.la 42 (2 coloni)

Lambri tt.la 30 (1 colono)

Lo Prato tt.la 17 (2 coloni)

Culturi tt.la 115 (2 coloni)

Le Valloncelle ttla 24 (1 colono)

Le Cantumetta tt.la 40 (1 colono)

 

Totale tt.la 3328 (57 coloni) (tt.la 58 in media).

34 coloni (cioè il 60% dei coloni totali), dichiara di aver fatto meno di 60 tomola di grano.

17 coloni (cioè il 30% dei coloni totali), dichiara di aver fatto da 60 a 120 tomola di grano.

6 coloni (cioè il 10 % dei coloni totali), dichiara di aver fatto più di 120 tomola di grano (M.s Ferrante Roda, Gio. Vermicciolo, Li her.del S.r Gio.Petro Prestarà, Cesare Tutino, Anselmo Tascione, Gio. Teofilo Pantisano).

Il 90% del grano proviene dalle gabelle Melia (69%), Le Macchie e Lauro (8%), Melia e Araca (5%), Lardone (3%), e Melia e Cozzo Nigro (5%).

 

§§§§§§

 

27 febbraio 1587. Governatore, sindaco ed eletti della città di Umbriatico (ASCz, Notaio Consulo B., cart. 9. ff. 232v-233).

“Die XVII mensis febr. XV Ind. iux.a K.l gregorianum anno 1587 R.te In civit.e Umb.ci et pp.e in platea pp.a dictae civitatis coram m.co Jo. and.a prestarà locumtenente in dicta civitate et nob. Jus not.o et sub.ti h.bus p.sonal.r constituti mag.cus fr.cus de cotrone sin.cus et m.ci et ho. Viri v.d. fer.dus rodius julius cesar infosinus anselmus tascionus jo. theofilus pantisanus electi deputati in regimine dictae civitatis et ipsius univ.tis in p.nti anno et alii m.ci et honorabilis inf.ti part.es cives et homines dictae civitatis facientes pleniores et saniores partes populi dictae un.tis v.d. vinc.s arturus virgilius de cotrone laur.s infosinus jo. bern.nus tascionus napolis philitanus laur.s de palermo sertorius citerà roccus consilius ascanius pirronl. Antonius presterà joes vermicciolus petruccius citerà corradus lagonia alfonsius mart.nus nicolaus casciarius minicus russus jo. nicolaus colutus jo. dom.cus marinus lorentius griffatus decius russus jobba panisalbis jacobus de agreste et alii in maiore numero qqde o.es p.nominati m.ci sin.cus et electi et cives particul.res nominati et cognominati ut s.a vulgariter dicendo ali q.lim.ci electi et cittadini fo proposto per detto m.co sindaco in q.sto modo credo che le S.V. sappiano amplamente li or.ni et banni emanati intorno allaltro uso ad istantia del ecc.a del patrone li q.li acciò refreschino la memoria pure se legeranno al p.nte circa la qual causa havendo receputo lettera del S.or governatore facta con inserto tenore de quel che sopra ciò scrive detta ecc.a contiene, che resteria servita”.

 

umbriatico222

Cattedrale di Umbriatico (KR). Tela raffigurante San Donato in paramento vescovile.

 

§§§§§§

 

7 novembre 1601. Roma. Lettera diretta all’arcivescovo di Santa Severina Alfonso Pisani (AASS, 018A, f. 20).

“Ill.re et R.mo Sig.r come fr.llo. Si duole il Vesc.o d’Umbriatico, che V. S. habbia dichiarato nullo il processo fatto contro il Marchese di Cirro, per non essersi voluto egli confessare dopo molte monitioni et notificationi fatteli senza darli l’assolutione, ne ancor ad cautelam dalle censure nelle quali era stato dicchiarato perciò incorso, permettendo in più, che vada public.te in chiesa; il che è dispiaciuto ancor alla sacra Cong.ne et benche habbia commesso il neg.o al Sig.r Card.le Paravicino, hanno nond.o voluto q.ti miei Ill.mi SS.ri, che io scriva a V. S., che questo modo di procedere non è giusto, ne conveniente, et che in caso tale dove si tratta della correttione de costumi, et emendat.ne della vita, ella dovea piuttosto pigliare la parte del Vesc.o, et aiutare l’essecutione de suoi ordini, che insistere sopra la nullità non rilevante, dove il fatto consta in contrario, et vogliano le SS.rie loro Ill.me, ch’ella ci proveda, et mandi qua piena informat.e d’ogni cosa al med.o S.r Card.le avvertendo nell’avvenire à dare ord.e che nel suo trib.le si proceda con mag.re circonspett.ne in casi simili. Et il sig.r la contenti. Di Roma li 7 di 9bre 1601. Come frat.llo aff.mo Il Card.le di Firenze”.

 

§§§§§§

 

9 dicembre 1608. Essendo morto il vescovo di Umbriatico Alessandro Filaretto Lucullo (1592-1608), il notaio apostolico Gio. Berardino Liparoto della città di Santa Severina, si reca nella città di Umbriatico dove, su richiesta dell’arcivescovo di Santa Severina Alfonso Pisani, il reverendo Giovanni Ferraro gli consegna, in presenza di testimoni, i beni lasciati dal vescovo defunto (AASS, 002A).

“Inp.s Una trabacca di noce meza indorata e meza sempia con quattro aquile indorate et argentate con quattro tavole della lettera e quattro lioncelli per sostentamento d’essa lettera indorata. Un pagliarizzo. Due matarazza pieni di lana di pecora, q.li matarazza sono ad interlicci. Uno capitale ad interliccio pieno di lana di pecora. Uno paro di lenzola di tela di cava usati. Una cultra di taffità dall’una parte gialla e dall’altra paunazza. Un’altra coverta di bambatia usata. Una zamarra punazza di panno usata. Una cortina consistente in sei pezzi, cioè quattro à corno, uno sopra, et il terzialetto di saia scotta azzola con frangie à torno e la coverta di sopra e infoderata di tela celendrata. Una cappa pontificale senza man.to con lo sacchetto. Una cinta di seta paunazza. Una berretta di prete usata. Uno coppolino di velluto negro. Uno pauro di braulli di tela con li calzetti di seta leonata. Uno paro di brache e casacca di taffità leonata. Un altro paro di brache di taffità lionato con il casacchino. Uno mantelletto senza maniche di panno paunazzo con sottana e mozzetta usate con mostre d’armosino rosso. Sottana mantelletto e mozzetta di ciambellotto paunazzo lavorato. Sottana mantelletto e mozzetta di teletta paunazza usate con mostre d’armosino rosso. Uno mantelletto di cavalcare con maniche di rascia paunazza et una sottana del medesimo con le maniche. Uno gioppone di raso paunazzo usato. Uno ferraiolo di rascia paunazza con mostre d’armosino rosso. Uno mantelletto e mozzetta di saia di melano negra con le mostre di seta negra. Due cappelli uno di feltro e l’altro di raso negro usati. Uno gioppone di teletta paunazza. Due camise, uno paro di pedali uno paro di calzoni di tela usati. Uno breviario. Il Pontificale. Uno missale. Uno anello d’oro con pietra rossa. Una Mula senza sella né barda di pelo negro chiamata saporita della razza dell’Ill.mo Sig. Marchese del Cirò.”

Sono presenti: Il R.do D. Francesco Grasso della terra di Crucoli, D. Cesare Cascia arciprete di Umbriatico, il clerico Julio Coco di Umbriatico, il mag.co Julio Suriano della terra di Cirò, il R.do cl. Nicola Francesco Manerio, arcidiacono di Umbriatico, il R.do Ioane Battista Caruso della terra di Cirò.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*