La platea dei beni della Prioral Corte di Santa Eufemia membro della S. R. Gerosolimitana, posti in territorio di Crotone, Cirò, Belcastro, Andali, Mesoraca, Tacina e Le Castella (1614).

Desidero ringraziare la Sig.ra Maroma Camilleri della National Library of Malta ed i suoi collaboratori per la loro squisita gentilezza e professionalità.

********

croce_di_malta

(National Library of Malta, Volume AOM 6196, ff. 51-60v).

f. 51.

“NOTAMENTO et

Plathea delle Robbe, et Entrade, Renditi, e Censi, che la / Prioral Corte della Terra de Sant’Eufemia Membro della / Sacra Religione Hierosolimitana tiene, e possiede nella / Città di Cotrone, e suo Territorio detta la Grancia, e sonno / l’infrascritte, con dechiaratione, ch’ogne salmata di Terra / s’havrà d’intendere per tumolate sei conforme l’uso di detta / Città.

E prima detta Prioral Corte tiene, e possiede nel Territorio di detta / Città di Cotroni, dove se dice Neto uno Territorio detto lo Marino / grande di salmate cento trenta quattro, cioè à ragione di tt.a sei / p(er) salma; seu lo lago netto, confine lo leto del Mare e, le Terre / del Mag.co Fran.co Barricello, che prima furo delli berlingeri, e / le terre del Mag.co Fabio de Antenore, che prima furo del q.am / Gio : Paulo Poeri, e le Terre dell’heredi del q.am Stefano / suriano nominate lo patremonio, e le terre del q.am Magnifico / Gio : Domenico pipino, e le Terre dela Cappella de Casa / venti, le Terre delli Bonelli, e la via pp.ca, si solea affit / tare grano, salme novanta più, ò meno secondo l’annate.

f. 51v.
Item tiene in detto luoco del fiume di Netu tiene una Gabella, e t(er)ra / di capacità de salmate trenta sei iux.a lo p(rede)tto fiume, e le terre del / Mag.co Gio : Fran.co pitera s’affita grano t.la dui cento l’anno. (a margine: grano tt.a 200)

Item tiene in detto luoco de Netu un’altro terr.o iux.a le terre del Ma.co / Marcello pipino, che furo prima del q.am Mag.co Gio : Dominico / pipino, e le t(er)re del Mag.co UJD Gio : Paulo Labruto, che prima / furo di Gio : Ant.o spataro, e la via publica, se solea affittare / grano salme tre. (a margine: grano salme 3)

Item tiene detta Balial Corte in detto Territorio di Cotroni in loco detto / la Manca, e iux.a le t(er)re de Santo biase, e le t(er)re delo Vescovato de / Cotroni, e le t(er)re dela Mag.ca Isabella aurifice, che prima del q.am / Giacovo aurifice, et altri fini, se suole affittare grano tt.a ottanta / Anno quolibet. (a margine: grano t.la 80)

Item detta Balial Corte tiene in detto Territorio di Cotroni, loco / detto la retunda iux.a le Terre de Not.rio Antonio monte / fusco, che prima furo del q.am Gio : Antonio de siena, e iux.a / le t(er)re del q.am Gio : Cola lo Massaro confine lo Mag.co Gio : / Paulo labruto, se suole affittare grano tt.a dudici. (a margine: grano t.la 12)

f. 52.
Item detta Balial Corte tiene in detto Terr.o de Cotroni uno territorio / grande de salmate sessanta in loco detto campo mare seu chiurlia / Coppula, e Castellanetta, quale consiste in sei infra(scri)tti pezzi videlicet.

Lo primo pezzo è confine le terre del Sig.re Petro Gio(ann)e armazzio, e lo Mag.co / Sig.re Mattio susanna, e lo Mag.co Sig.re Gio : Thomaso montaluno / e lo Mag.co Sig.re Cola ciotta, et altri fini, lo quale è detto ciurlia, e con / le t(er)re che furo deli Suriani.

Lo secondo pezzo nominato formosa, che confina con le t(er)re, che furo de / Not.o Berardino de Nola et altri.

Lo terzo pezzo nominato Cappamaro, quale stà dentro le t(er)re del R.mo / Arch’Ep(icop)o de uiczini.

Lo quarto pezzo detto Castellanetta iux.a li p(rede)tti Confini.

Lo quinto pezzo detto Campamare, come lo primo, dove è la chiesa iux.a / li p(rede)tti fini.

Lo sesto pezzo detto Coppula iux.a li p(rede)tti fini, se suoleno affittare / anno quolibet grano tumola duicento. (a margine: grano t.la 200)

Item detta Balial Corte tiene in d.o terr.o, un’altro terr.o detto Magropoli iux.a le t(er)re / deli Mag.ci Fabritio, e Marcello luciferi, che furo prima deli q.am Pompeo / e Petruzzo luciferi, e iux.a le t(er)re del Mag.co q.am Cola Gio : Iacomino, se / suoleno affittare anno quolibet grano tumola decidotto. (a margine: grano t.la 18)

Item d.a Balial Corte tiene allo Terr.o deli Castella una t(er)ra in loco detto Cusen / tino, se suole affittare grano tt.a vinti l’anno. (a margine: grano t.la 20)

Item detta Balial Corte tiene un’altro Terr.o dentro lo Terr.o de Tacina detto lo / Priorato di salmate dudici à rag.ne di t.la otto p(er) salmata secondo lo stizzo / del q.am R.do frà Carlo carena nella Plathea vechia iux.a le t(er)re del Vescovado del’Isola dette lo vignale, e la Gabella de vocisano / et le valli, se suole affittare p(er) grano t.la cinquanta. (a margine: grano t.la cinq.ta)

f. 52v.
Item detta Balial Corte tiene di Censo, e li rende l’I. Sig.re Barone di / Melissa sopra, e p(er) lo Terr.o di Cotroni iux.a lo Terr.o delo Priorato de santo / Gioanne nominato Cachia via, e iux.a le t(er)re del’Ecc.a delo Salvatore, e lo teni / mento detto Gallo, e tiene un’altro terr.o nominato le Manche, e giardinello / d’Abriglianello paga di Censo ut supra per ambi le due terre anno / quolibet docati decedotto d. 18.0.0.

Item detta Balial Corte tiene fuora la porta di d.a Città di Cotroni dui / horticella piccoli, poco distante l’uno del’altro dove se dice santo / Martino, e lo Ciaramidio iux.a lo loco de Petro nigro confine Marco / lo Massaro, e la via pp.ca, iux.a l’horto di Gio : Petro pestara, e di / Col’Antoni perroni s’affittano ambi dui insieme anno quolibet ducati / cinque d. 5.0.0.

Gioannello risitano de Cotroni nepote del q.o Gio(ann)e risitano tiene una Cutura / de vigne dove se dice Coppula, che fù p.a del detto q.am gio(ann)e suo Avo confine / le vigne de Gio(ann)e Massaro et la via pp.ca, e le t(er)re di sopra delo Priorato / de Santa Femia paga di censo anno quolibet carlini tre d. 0.1.10.

Gio : Maria lo Massaro di detta Città nepote del q.am Gio(ann)e Massaro p.o tiene / una vigna in detto luoco di Coppula, confine lo sopradetto Gio(ann)e risitano, e / Giulio lo Massaro, e la via pp.ca, e di sopra le t(er)re delo Priorato di s.ta Euf.a / paga di censo anno quolibet allo p(rede)tto Priorato grana vinticinque d. 0.1.5.

Giulio lo Massaro nepote del q.am Antonello suo Avo tiene in detto / loco di Coppula una vigna confine la vigna de Gio : Maria lo Mas / saro, la via pp.ca, e di sopra le terre delo priorato di santa femia / paga quolibet anno al detto Priorato grana vinticinque d. 0.1.5.

Berardo de leandro de Cotroni p(rede)tto, tiene in detta Città una casa, e / due poteghe, confine tre vie publice, e la Casa del’Ecc.a, che la pos / sede Don Laurenzo vicino, lo Vescovado, n’have pagato, e pagha / docati cinque l’anno, e dice haversela incensuata d’uno affitta / tore de Casa garofalo, però sene potrebbe ha(ve)re d’affitto docati / diece l’anno, e più d. 5.0.0.

f. 53.

LUZZIRO’

Item in detta t(er)ra de luzzirò tiene detta Balial Corte una / t(er)ra, seu grancia, che se suole affittare dui ducati l’anno, li quali / seli esige uno Cappellano, che serve l’Ecc.a, e l’affittatori dela p.a / grancia di Cotroni in preiudicio di detta Balial Corte sen’hanno / fatto fare buoni d.ti quaranta alla quale fraude p(er) la Religi / one se potrebbe remediare à non lasciarnosi fraudare d. 2.0.0

Item tiene essa Balial Corte in detta Terra de Luzzirò / un’altro annuo Censo de carlini quattro sopra le vigne / del Mag.co Hortenzo Giuliano, loco detto lacode iux.a / le vigne del Mag.co Fran.co giuliano d. 0.2.0

f. 53v.

NOTAMENTO, et

Plathea de le robbe stabili, e censi, che detto Ill.mo, e R.mo Sig.re / Baglio Cagnolo, e sua Balial Corte tiene in Belcastro, e sua grancia sono l’infra(scri)tte videlicet

In primis tiene uno Territorio in detta Città di Belcastro nominato li / freri intro lo Territorio di detta Città di Belcastro de capacità de t(er)ra / netta de salmate trenta cinque, e di boscusa de salmate quindici iux.a / le t(er)re del Mag.co Gio : Thomaso de Diano, e iusta le t(er)re deli heredi del / q.am Mag.co Cesare Caputo, e le t(er)re dela Baronia de Tacina nominate / li pantanella, e iux.a le t(er)re, che furo del q.am Salvatore gargano, non / si mette lo solito del’affitto p(er) non ritrovarsi nella Plathea vechia / né in libro de Camera.

Item detta Balial Corte tiene un’altra t(er)ra de salmate cinque iux.a lo / feudo del sig.re q.am Luc’Antonio piterà, e le t(er)re del q.am Don Federico / galati, e iux.a le t(er)re del Mag.co Lanso morello, e le t(er)re del q.am Petro / sacco russo.

Item detta Balial Corte tiene un’altra t(er)ra dentro detto terr.o di Belcastro / de salmate sei dove se dice la fontana iux.a la via, che và alla Colla de / Santa ynia, e le t(er)re de S.to Petro, et altri fini.

Item in detto luoco tiene un’altra t(er)ra di capacità de salmate quattro cul / tivabile iux.a le predette t(er)re di s.to Petro, e dela fontana.

Item tiene un’altro pezzo di t(er)ra in detto territorio de capacità de salmate quattro / cultivabili iux.a le p(rede)tte t(er)re di Santo Petro, e le t(er)re dela Fontana e le terre / che furo delo q.am Giacovo delo freri.

Item in detto luoco tiene un’altro pezzo di t(er)ra de salmate trè di t(er)ra / cultivabile iux.a l’altre terre, dela predetta grancia, e iux.a / le terre, che furo de yanni scirillo, ch’al p(rese)nte le possede.

f. 54.
E si dechiara come tutte le predette cinque partite sonno poste dentro lo feudo / del sig.re Luc’ Antonio piterà, dal quale feudo se piglia la sterzatura del’her / baggio in grave danno di detto Baliaggio, et Ecc.sia Hyerosolimitana.

Item detta Balial Corte tiene ancora un’altro territorio dove se dice lo cal / vaccature de capacità de salmate sette iux.a le terre, che furo del q.am M(esser) Fran.co / cimino, ch’al p(rese)nte le tieneno suoi heredi, e iux.a le t(er)re di Notar Marsilio / faraglio, et al p(rese)nte Archi preite di Belcastro, quale terre stanno dentro / lo feudo di Maglia cane, e sene piglia la sterzatura del’herbaggio in / grave danno del Baliaggio.

Item detta Balial Corte tiene un’altro pezzo di t(er)ra loco detto lo schinetto / de lo Muto de salmate quattro alla grossa iux.a le terre delo canturato / e le t(er)re delo Mag.co Camillo Bulotta, e le t(er)re del Mag.co Jacomo scarillo / che furo del q.am Gisonno grandello le quale t(er)re sonno dentro lo feudo / Elanso Maurello, e sene piglia la sterzatura del’herbaggio.

Item detta Balial Corte tiene un’altro pezzo di t(er)ra nominato pettochino / iux.a le t(er)re del Sig.re Marc’Antonio Ferraro, e le t(er)re del’heredi del q.am Sig.re Duardo poerio, e le terre del Canturato, quale t(er)re sonno dentro il feudo dela Corte dela Città di Belcastro, e sene piglia la sterzatura / in preiudicio del’Ecc.a, e de detto Baliaggio.

Item detta Balial Corte tiene ancora un’altro pezzo di t(er)ra dissutile con / certe castagne, e dui pedi di celsi, dove sedice andali, alla Montagna / videlicet di questa banda detta la fiumara de nasari iux.a di parte di sotto / la via publica, del’altra parte la serra delo Vescovado di Belcastro / e tira alla colla delo nocito, e tera alla serra delo Turvo nominato / Petro de sarvato, alias de greco ad andali, e và lo Vallone appendino / siccagno, che descende alle fate, e corre a petra maiure, e tira allo passo / delo vallone sotto le castagne del sig.re Alonso Morello, et và la via via / insino alle t(er)re, e castagne de Th(omas)o lerro p(er) la Nuce del Vescovado d’andali / e la via via delo passo delo vaccaro, e la via via p(er) lo vallone siccagno / insù sin allo terreno dele castagne, che furo del q.am Ant.o de pedatella, e / dallà và à tirare alla colla deli pira, e la Costa àppendino, e cala all’acqua / che nasce sotto lo timpuni nominata l’acqua dela Corna, e la serra serra / seu cinte và a ferire la via via in detta Macchia di Nasari

f. 54v.
et in detto terr.o di santo Gioanne, vi sono dentro molte terre donate a / Censo, e Castagne, che rendono all’Ecc.a dentro li sopradetti fini dele / quali t(er)re restanti p(er) l’Ecc.a, sene suole havere una salma di grano / l’anno, le quale t(er)re, censi, e castagne sele godeno, et usufruttano li / Cappellani, che servono l’Ecc.a di Santo Gio(ann)e.

f. 55.

Mimsuraca dentro detta grancia di Belcastro.

Item detta Balial Corte tiene dentro lo Terr.o di Mesuraca loco detto / cunduleo una t(er)ra di Capacità de salmate quindici cultivabile iux.a le / Terre delo Vescovado de Catanzaro, e le Terre dela Corte de Mesuraca / e le Terre di sant’Antonio, le suole tenere lo Sig.re Marchese / per salme sei, però hoggi entrano nell’affitto dela grancia de / Belcastro.

Nota de li censi in danari spettantino, e
concernentino alla predetta grancia
di Belcastro.

In primis Vincentio coco figlio d’Indici tamante, tiene, e possede in / loco detto andali uno castagnito, che fù del detto q.am suo p(ad)re confine / Don Horatio Maurice, e lo Mag.co Petro Morello paga di censo q.olibet / Anno all’Ecc.a di S.to Gio(ann)e di Belcastro grana dieci d. 0.0.10.

Item Fiorentino pigneri in detto loco d’Andali, tiene uno castagnito / che fù del q.m tangano dalito p.o, e pò fù de M.o Giacomo grandello, et al / p(rese)nte d’esso Fiorentino pigneri iux.a le castagne del’Ecc.a di S.to Gio(ann)e, e / dela Corte di Belcastro, rende alla Balial Corte grana dieci d. 0.0.10.

Item lo Mag.co Cesare caivano, come herede, e Nepote dela q.am Mag.ca / Hippolita Vidua de Berardino gabriele à Randali tiene uno ca / stagnito, iusta le castagne de Fiorentino pigneri, che prima furo / de Jacomo grandallo, e iux.a le castagne de S.to Gio(ann)e ut s.a, rende à d.a / Balial Corte anno quolibet grana cinque d. 0.0.5.

Item la Sig.ra Virginia de Massaris, tiene, e possede in detto luoco d’Andali uno / castagnito, che prima fù del q.am Mag.co Pietro de diano, e pò di suoi heredi e / di Minicuzzo mannarino confine lo Castagnito de Fiorentino pipieri / rende à d.a Balial Corte grana cinque d. 0.0.5.

f. 55v.
Item li Mag.ci Pietro Fran.co, e Gio : Vinc.o morelli figli, et heredi de [lo] / Mag.co Filippo morelli, teneno, e possedeno in loco detto ad Andali / uno Castagnito, che prima fù d’Antonio fagallo iux.a le Castagne / che furo del q.am Antonio pisano, ch’al p(rese)nte le possede lo R.do Donno / Oratio, e iux.a le t(er)re dell’Ecc.a di santo Gio(ann)e, rendono di censo à detta / Balial Corte anno quolibet grana dece d. 0.0.10.

Item lo R.do Donno Horatio Maurice, tiene, e possede in detto luoco / d’Andali uno Castagnito, che fù del q.am … iusta lo loco del / q.am Mag.co Hippolito morello, ch’al p(rese)nte lo teneno li Mag.ci Petro Fran.co, e Gio : Vinc.o morelli, et altri fini pagano di censo ut supra à detta / Balial Corte anno quolibet grana tridici, e mezzo d. 0.0.13 ½.

Item lo Mag.co Marco san Marco tene, e possede in detto loco d’Andali / uno Castagnito, che prima fù di Gio : Matteo massaro iux.a lo castagnito / de Giacomo grandello, e lo castagnito dela Corte, rende à detta Balial / Corte ut supra grana sei, e mezzo d. 0.0.6 ½.

Item li Mag.ci Petro Fran.co, e Gio : Vinc.o morelli tieneno in detto luoco uno / castagnito, che fù di Chaterina de luchella, che fù prima di Petruzzo de / Mastro Angelo iux.a le castagne, che furo de Iudice attamante cuoco / et lo castagnito dela Corte rendeno di censo alla Balial Corte / anno quolibet grana otto d. 0.0.8.

Item Bartulo, et Antonio pirayna, tieneno, e possedeno in detto luoco d’An / dali uno Castagnito, che prima fù del q.am Col’Antonio iurdano, e pò del q.am / Giorgio pirayna loro Patre iusta le castagne dela Sig.ra Isabella morella / che prima furo del q.am lanso morello, rende alla Balial Corte p(rede)tta di / Censo anno quolibet grana cinque d. 0.0.5.

Item la Mag.ca Andriana Zupa Vidua del q.am Troilo caviano tiene / e possede uno castagnito in detto luoco d’Andali che fù prima del / q.am Donno Gio : Batt(ist)a Gabriele, et un’altro che fù di Antonino christi / ano e po fù del q.am Gioannello caivano iux.a la poss.ne dela Sig.ra / Isabella morella, e Bartulo, et Antonio pirayna, rende alla / Balial Corte anno quolibet grana sidice d. 0.0.16.

f. 56.
Item Antonio e Luca salinaro teneno, e possedeno una poss.ne loco detto / santo Gio(ann)e, che prima fù di D. Batt(ist)a de terzo, che prima fù del q.am Mag.co / Aniballe caivano iusta la vigna delo Mag.co Marco delo freri, che / prima fù del q.am Donno Geronimo del’aie, e la vigna dela Mag.ca Andriana Zupa, che prima fù de Gioannello caivano, rende / alla Balial Corte di censo tarì uno, e grana otto anno quolibet d. 0.1.8.

Item Mastro Fran.co caluzzune in detto loco di santo Gio(ann)e tiene, e / possede una vigna, che prima fù de D. Fran.co floruto, e pò de Paulo / caputo iux.a la vigna dela Mag.ca Andriana Zupa, e l’heredi di Fran.co / cimino, rende à detta Balial Corte di censo carlini tre anno q.olibet d. 0.1.10.

Item li Mag.ci Gio : Batt(ist)a, Giulio, e Gio : Vinc.o cimini tieneno e possedono / in loco detto santo Gio(ann)e una vigna che fù del q.am Gio : Fran.co cimino / loro patre, che prima fù del q.am Polidoro marincola iux.a l’Ecc.a delo / salvatore, e la via publica, rende alla Balial Corte anno / quolibet grana sidici d. 0.0.16.

Li retroscritti Gio : Batt(ist)a, Giulio, e Gio : Vinc.o cimini, tieneno, e possedeno / in detto luoco de santo Gioanne una vigna che fù prima de Fran.co / dela castellana, e pò de Rinaldo nuceri iux.a la vigna che fù / del q.am Gio(ann)e Caivano, e iux.a l’Ecc.a di santo Gio(ann)e, e deli cimini, / rende alla Balial Corte anno quolibet grana dieci d. 0.0.10.

Tieneno ancora li predetti tre frat.lli de cimino in detto luoco / di santo Gioanne un’altra vigna che fù del q.am Geronimo de lo / …, e pò di M(esser) Marco deli freri, iux.a la vigna di M(esser) Aniballe caivano, e iux.a la Cappella de santo Andrea, rendono alla Balial Corte di censo anno quolibet grana tridici d. 0.0.13.

f. 56v.
Item li Mag.ci Gio : Bartolo, e Gio : Ferr.te di diano tieneno, e possedeno / in detto loco di santo Gio(ann)e una vigna, che fù prima d’Agatio carroza, e pò de Liandro de diano loro patre iux.a l’Ecc.a de santo Andrea e / l’herede del q.am Paulo caputo.

Et ancora possedono li p(rede)tti Mag.ci Gio : Bartolo, e Gio : Ferr.te cimino / un’oliveto, che fù del q.am Gio : Th(omas)o de diano, e p(er) la poss.ne che fù del q.am / Petruzzo mariano in detto luoco iux.a l’herede di Rinaldo de scigli / ano, e la via publica, rendono p(er) quella, che fù d’Agatio carrozza.

Item lo Mag.co Col’Antoni carrozza figlio, et herede del q.am Gio : Batt(ist)a / Carrozza U.J.D. tiene, e possede in loco detto lo ringo una poss.ne che / fù p.a de Donna Fran.ca barba, e pò del detto q.am Mag.co Gio : Batt(ist)a iux.a / le t(er)re del’Ecc.a, e la via publica rende di censo ut s.a à d.a Balial / Corte anno quolibet g.na vinti novi d. 0.1.9.

Item lo Mag.co Lattansio carretta tiene, e possede in loco detto alle / prache una vigna, che prima fù de M(esser) Thomaso buneri, e pò del / q.am Mag.co Gio : Mattheo rizzo U.J.D. iux.a la via che fù del q.am Berardo / carrozza, rende di censo à detta Balial Corte anno quolibet / grana quindici d. 0.0.15.

Et in eodem loco lo p(rede)tto Lattansio tiene ancora lo vignale, che / prima fù del q.am Colangilo carrozzo, e pò del d.o q.am Mag.co Gio : / mattheo rizzo iux.a la vigna che fù del q.am M(esser) Th(omas)o bunieri / rende à d.a Balial Corte anno q.olibet g.na cinque d. 0.0.5.

Item lo p(rede)tto Mag.co Lattansio carretta tiene nello p(rede)tto luoco dele / prache un’altra vigna, che fù d’Andrea sacco Russo, e pò del detto / q.am Mag.co Gio : Matteo rizzo iux.a le olive d’Agatio pisano, e la / vigna che fù de M(esser) Th(omas)o bucci, e si rende à d.a Balial / Corte anno quolibet g.na nove d. 0.0.9.

f. 57.
Item Donna Virgilia trunza, tiene e possede in loco detto le prache / una vigna, che prima fù del q.am Petruzzo Bell’homo, e pò de Federico / deli freri, e p(er) la vigna, che fù de Mastro giacomo grandello in detto / loco iux.a la poss.ne, e t(er)ra, che fù del q.am Mag.co Cesare caputo e, la / via publica, rende di censo de tutte à detta Balial Corte car.ni tre d. 0.1.10.

Item Donno Marcello faraglio, tiene e possede in loco detto Sataleni / una poss.ne, che fù del q.am Mag.co Marcedonio morello iux.a le terre / d’ottavio chiaramonte, che furo prima del q.am Nardo chiaramonte, e / iux.a lo Vallone de Valloneo, e iux.a la via publica rende ut s.a à detta / Balial Corte g.na sette d. 0.0.7.

Item Gio : Fran.co lessi tiene, e possede in loco detto santa leni un’oliveto / che fù de Valentino ysano, e pò de Fran.co Alessio iux.a la poss.ne de Donna / Fran.ca alfuzza, e la via publica, et altri fini paga di censo à d.a / Balial Corte g.na cinque anno quolibet d. 0.0.5.

Item Lattansio carrotta in detto loco de santa leni tiene, e possede / certe olive, e t(er)re, che furo del q.am Antonello Santoro iux.a la poss.ne de / Donna Tartia alfuzzi, che prima fù del q.am Don Fran.co alfuzzi / rende à detta Balial Corte anno quolibet g.na dieci d. 0.0.10.

Item Gio : Maria urso tiene in loco predetto le prache uno oliveto che / prima fù di Taviano mortilla iux.a la vigna, che fù del q.am Gio : / Mattheo Rizo rende alla Balial Corte ut s.a anno quolibet / grana dieci d. 0.0.10.

Item Gio : Maria urso p(rede)tto tiene in loco p(rede)tto dele prache uno oliveto / che fù prima d’Antonino Sacco russo iux.a la vigna di lattansio / carretta che furo di Th(omas)o buneri, e de Taviano Mortilla rende / alla Balial Corte g.na dieci d. 0.0.10.

Et in detto loco dele prache il detto Gio : Maria urso tiene ancora un’altra poss.ne, che fù del detto Petro Sacco russo iux.a la poss.ne de / Taviano mortilla rende alla Balial Corte di Censo anno / quolibet g.na dieci d. 0.0.10.

f. 57v.
Item Horatio, e Cesare greco tieneno, e possedeno in detto luoco dele prache / uno oliveto, e t(er)ra iux.a la vigna de Gio : Thomaso Ca / stellano, e l’olivito del Vescovo pagano per la metà g.na dui, e mezzo / ch’altre tanto pagano li sottoscritti heredi de Minico urso d. 0.0.2 ½.

Item l’heredi di Minico Urso tieneno, e possedeno ut s.a allo p(rede)tto luoco / dele prache la mettà dela predetta poss.ne iux.a li suoi p(rede)tti fini ne / pagano p(er) loro metà grana dui, e mezzo altri d. 0.0.2 ½.

Item Col’Antonio Mortilla tiene, e possede in detto luoco dele prache / uno loco d’olive, e terre, che furo prima del’heredi di Rinaldo / scigliano iux.a le t(er)re de M(esser) Leonardo de Diano, e la via pp.ca rende / alla Balial Corte grana sette d. 0.0.7.

Item lo Mag.co Notar Giacomo dela Castellana tiene in loco detto sant’ / Andrea una t(er)ra, che prima fù d’Antonino christiano, e pò di Donno / Batt(ist)a de Renso, iux.a lo luoco del Mag.co Gio : Th(omas)o de diano, e iux.a / lo Vallone di Valluneo, rende alla Balial Corte anno quolibet / grana dieci d. 0.0.10.

E più lo p(rede)tto Not.o Giacomo tiene, e possede in loco detto santo Gio(ann)e / uno pezzo di t(er)ra che fù del detto Donno Batt(ist)a iux.a lo luoco de / Donno Felice ballatore, rende alla Balial Corte anno quolibet / grana dieci d. 0.0.10.

Item li Mag.ci Rodi, e Gio : Vinc.o Castellani tieneno, e possedono una / poss.ne, e Molinello in loco detto Valluneo, che fù d’Alfonso venuto / prima, e pò di Vinc.o dela Castellana iux.a lo Vallone de Valluneo / paga quolibet anno ut s.a lo Vallune delo Valluneo grana vinti / cinque d. 0.1.5.

Item lo Mag.co Ottavio d’oliverio, tiene uno pastino seu vigna / che fù del q.am Rinaldo scigliano in loco detto Valluneo iux.a lo / loco di Minico Zupo, rende p(er) sua parte il d.o pastino tari uno d. 0.1.0.

f. 58.
Item lo Mag.co Gio : Andrea dinofri tiene in detto luoco di Valluneo / certe terre, e censi, che furo del sop(rade)tto Rinaldo scigliano iux.a lo / pastino delo p(rede)tto Mag.co Ottavio d’oliveri, paga alla Balial Corte anno quolibet grana dieci d. 0.0.10.

Item Gio : Maria urso tiene, e possede uno castagnito, che prima fù / di Caruso d’Angelello, e pò de D. Federico sacco russo iux.a la / vigna di Gio : Maria Ballature, e la via pp.ca paga di censo alla Balial Corte anno quolibet g.na quindici d. 0.0.15.

Item M(esser) Antonino carpansano tiene, e possede in loco detto Valloneo / un’oliveto che fù prima de Gio(ann)e de pressano, e pò de Berardo urso / iux.a la vigna de Th(omas)o campano, e la via pp.ca, rende alla Balial / Corte anno quolibet g.na quindici d. 0.0.15.

Et più detto Antonino carpansano tiene li celsi, e molinello de Vallu / neo, che fù del detto Ber.do urso iux.a la via publica pagha ut s.a / grana quindici d. 0.0.15.

Item lo Mag.co Michele lofreri tiene, e possede in loco detto la perdi / lice una vigna con terre, che furo p.a de Fran.co deli freri, e pò de M(esser) Jacomo delo freri iux.a la vigna de Jannuzzo deli freri, e la via / vicina, rende alla p(rede)tta Balial Corte anno quolibet g.na / dudici d. 0.0.12.

Item Masi Maurice tiene, e possede in loco detto alla perdi / lice una vigna che fù prima de M(esser) Col’Antonio dela Castellana / iux.a la vigna d’Antonio scarillo, che la possedono l’heredi di / Gio(ann)e lofreri rende alla Balial Corte g.na dieci d. 0.0.10.

Item la Sig.ra Isabella morella tiene, e possede in detto luoco de / la perdilice, una vigna che fù del q.am s.or lanso morello, e p.a / di Gio(ann)e delo Gallo, et Aurelio gigliotto rende alla Balial Corte / di Censo anno quolibet g.na cinque d. 0.0.5.

f. 58v.
Item lo Mag.co Gio : Giac.o delo freri tiene, e possede in loco detto la / perdice una vigna, che fù p.a d’Antonio scarillo iux.a la vigna / di masi maurice, che fù prima d’Aurelio gigliotto, et altri fini / rende alla Balial Corte grana cinque d. 0.0.5.

Item Mastro Antonino carpansano tiene, e possede à Valloneo un / Territorio seu terreno, che fu prima de Diacono felice ballature / iux.a lo luoco de M(esser) Marco de Diano, rende ut s.a grana cinque d. 0.0.5.

Item M(esser) Marco de Diano tiene, e possede ut. s.a lo terreno et vigne / de Valluneo iux.a la via publica, rende alla Balial Corte g.na quindici d. 0.0.15.

Item frà Mundo arratta tiene, e possede in loco detto di quella / vanda Valloneo, che prima fù di Gio : Maria ballature iux.a / la via publica, rende à detta Balial Corte g.na cinque d. 0.0.5.

Item Gianio de Cotroni tiene in loco detto di quella banda Val / loneo una vigna, che fù del’heredi di Nico Zupo iux.a la / vigna del’heredi di Rinaldo scigliano, e la via pp.ca rende / alla Balial Corte di censo anno quolibet g.na otto e mezzo d. 0.0.8 ½.

Item frà Mundo arratta tiene, e possede di quella banda val / loneo una vigna, che p.a fù de M.o Minichello faraldo iux.a la / vigna di D. federico sacco russo rende ut. s.a grana sette d. 0.0.7.

Item Berardino bruno tiene, e possede in loco detto Valloneo uno terreno, che / prima fu de durastante de Ramundo iux.a la vigna de Gio : Maria urso, et / prima fù de Donno federico sacco russo, rende alla p(rede)tta Balial Corte anno / quolibet g.na tre, e mezzo d. 0.0.3 ½.

Item l’Ecc.a di santo Gioanne tiene uno vignale di t(er)ra di quella banda / Valloneo, che celo lasciò G…ano de Barbaro iux.a lo luoco, che fù di Don federico sacco russo, rende alla Balial Corte g.na tre, e mezzo d. 0.0.3 ½.

f. 59.
Item frà Mundo arratta tene, e possede in loco detto di quella banda / Valloneo una vigna, che fù di Petro pinelli iux.a lo luoco de Gio : Maria / ballature rende alla Balial Corte grana cinque d. 0.0.5.

Item Marco Antonio Mamone tiene, e possede in loco detto di quella / banda Valloneo una t(er)ra con celsi, che fù di Notar Aniballe, e fr(at)e / iux.a la via publica, rende di censo alla Balial Corte g.na sei d. 0.0.6.

Item Clerico Giulio gargano tiene, e possede in loco detto le prache / uno vignale, et olivito, che fù di matteo alessio iux.a Gio : Thomaso / Cassano, rende di censo alla Balial Corte g.na cinque d. 0.0.5.

Item M.o Petro alfuzzi tiene in loco detto santo Gio(ann)e una t(er)ra, e celsi / quali furo prima de M(esser) Paulo dela Mollita, e pò d’Antonino car / panzano, e del’heredi d’Antonino trasforzzato iux.a la via publica / rende alla Balial Corte anno quolibet g.na cinque d. 0.0.5.

Item Gio : Bartolo de diano tene, e possede di quella banda Valloneo / vigne, e terreni, che furo prima di Jannuzzo deli freri sopra la poss.ne / de Michele deli freri, rende alla Balial Corte ut s.a grana dudici d. 0.0.12.

Item M(esser) Antonino carpansano tene, e possede di quella banda / Valloneo certi celsi, e t(er)re, che furo prima d’Antonino sacco russo / e prima de Gio : mattheo massaro iux.a li beni del’heredi del q.am / Bartolo rizzo, paga di censo alla Balial Corte ut supra / g.na dieci d. 0.0.10.

Giacovo grandello, tiene e possede in loco detto santa leni uno / olivito, e t(er)re iux.a l’olivito, e t(er)re de Giacovo …, e la via pp.ca / rende alla Balial Corte anno quolibet grana cinque d. 0.0.5.

f. 59v.
La Vidua d’Alex.dro dela Castellana tene, e possede con Donna / Veronica sua sorella alle prache una t(er)ra con olive iux.a la / vigna de Geronimo truzzo, rende alla Balial Corte grana / tre d. 0.0.3.

L’heredi di Genua delo boicello per le Castagne, che furo / di yanni delo boicello, iux.a le Castagne, che furo de Gio(ann)e / Antonio yurdano, e le t(er)re dell’Ecc.a rende alla Balial Corte grana cinque d. 0.0.3.

La Vidua de Col’Antonio garchea, e Cola Nastasi pagano / per le Castagne, e terreno, che furo di Battista greco poste ad / Andali iusta le terre, che furo del q.am Mag.co Cesare caputo / et le terre del’Ecc.a pagano grana cinque d. 0.0.5.

f. 60.

Censi che son dentro lo territorio de Misuraca.

In p.s Mastro Prosperello barretta, Fran.co, e Gio : Paulo de capua / teneno di quella banda lo potamo certe terre, che furo di Cola Albe / rico iux.a li terreni dela Corte pagano tutti insieme de censo all’Ecc.a / de santo Gioanne carlini dieci d. 1.0.0.

Item Federico, e Cesare carusi teneno, e possedeno dentro lo Territorio de / Mesuraca certe loro terre, che furo prima de Petro caruso di Mesuraca / iux.a lo bosco della Corte, detto dela Sig.ra Duchessa, e lo fiume de birgari / et altri confini, rendono ut s.a alla Balial Corte carlini dieci d. 1.0.0.

Item lo R.do Archipreite de Mesuraca, e lo Mag.co Valenzano / de giglio teneno, e possedeno in loco detto in broccuso certe t(er)re iux.a / le terre de santo Petro de Niffi, e lo tenimento dela Zuca, et altri rendono / alla Balial Corte anno quolibet carlini cinque d. 0.2.10.

Item lo Sig. Ferrante pistoya tiene, e possede in loco detto Vittoriano / una vigna, che fù prima di santo de donato iux.a li beni del’heredi / del q.am Sig.re Gio(ann)e caivano, e la via publica, rende alla Balial Corte / anno quolibet grana vinticinque d. 0.1.5.

Item giacomo garretta, tiene, e possede in loco detto Vittoriano una vigna / e t(er)ra che fù p.a di D. Giacomo argruo, e Batt(ist)a greco rende ut s.a alla / Balial Corte tarì uno d. 0.1.0.

Item Gioseppe Riccio tiene, e possede in detto luoco de Vittoriano una poss.ne / che fù p.a d’Orlando de stuce, e suoi cognati iux.a la vigna de santo / de Donato, e la via publica rende alla Balial Corte g.na diece d. 0.0.10.

Item lo Sig.re Ferrante pistoya in alia tiene in detto loco de Vittoriano / una poss.ne, che fù prima del’heredi di M(esser) Antonello caivano iuxta / la vigna de guerra, e la via pp.ca rende ut. s.a g.na dieci d. 0.0.10.

f. 60v.
Item il sopradetto s.or Ferrante tiene ancora in detto luoco un’altra vig.a / e t(er)ra, che prima fù del’herede del detto Sig.re Gio(ann)e caivano iux.a lo luoco / de santo de Donato, rende di censo a d.a Balial Corte ut. s.a quolibet / anno g.na dieci d. 0.0.10.

Item Donno sibio di Mesuraca, e fr(at)e teneno, e possedeno alla Valle de / leone territorio di Mesuraca, e sonno dentro detta Valle di leone / certe t(er)re p(er) le quali pagano di Censo alla Balial Corte ut supra / tarì dui d. 0.2.0.

Item lo p(rede)tto Sig.re Ferrante pistoya in alia tiene, e possede in loco / detto Vittoriano, che prima fù del q.am Petro delo Russo iux.a lo luoco / de Donno Jo(ann)ino greco iux.a la via publica, rende di Censo ut s.a / grana cinque d. 0.0.5.

Lo sig.re de Mesuraca per lo Terr.o de brucuso pagha à d.a Ecc.a / quolibet anno carlini dudici d. 1.1.0.

Et per le t(er)re, che lo detto sig.re si pigliò del’heredi di Ger.mo crapuzza / no, che sele tiene, rende di Censo ut s.a alla re(troscri)tta Ecc.a de santo Gio(ann)e / tarì dui d. 0.2.0.

Lo sig.re Lanzo morello, e la sig.ra Isabella morella tieneno uno terr.o / che prima fù del’herede del Sig.re Gio(ann)e Caivano, nominato la difesa, e / terreni di mezza posta in loco detto Vittoriano confine la difesa dela / forestella, e le timpe delo caruso, e lo Vallone de Vittoriano, e la via / pp.ca, et altri fini, pagano di censo ut. s.a all’Ecc.a de S.to Gio(ann)e t(ar)i uno d. 0.1.0.

Gio(ann)e Antonio dela Castellana tene una vigna, che fù del q.am Ferr.te / dela Castellana suo patre in loco detto le prache confine Giulio / gargano, e la via pp.ca, rende à detta Ecc.a anno q.olibet g.na otto d. 0.0.8.

M(esser) Gio : Dominico guercio tene in loco detto le prache uno pezzo / di t(er)ra confine l’herede di Ferr.te la Castellana, rende alla d.a / Ecc.a di santo Gio(ann)e Anno quolibet g.no uno d. 0.0.1.”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*